• facebook

Home » Chi siamo » Direttore editoriale » Editoriali » Oggi » Sconosciute famose
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sconosciute famose

Lo sapevate che (nei secoli dei secoli e salvo eccezioni) la donna, in quanto tale, è poco riconoscibile?

Lo sapevate che però, se è stata od è "fortunata" può vivere di luce riflessa?

Lo sapevate che la signora...era la moglie di (anche se separata), l'amante di, la compagna di, la madre di, la musa di... ecc.?

Ed oggi? Idem.

Alcune di quelle che hanno questa "fortuna" sfacciata?...la moglie di Bush...di Putin...di Sarkozy...di Brown...di Napolitano... o ancora del principe di Spagna, d'Inghilterra, del re di Giordania, del Marocco, di Berlusconi, di Bill Gates, di ...ecc.

Un elenco noioso, che la logica mediatica ci propina, fatto di nomi che nella storia dell'umanità e della politica non hanno fatto niente, assolutamente niente per essere riconoscibili, per il bene (o il male) dei popoli dei loro paesi e quindi, giustamente con il diritto a rimanere delle sconosciute, perdiana!

Invece no!

Quanti anni hanno queste signore? Quale è il loro stilista preferito? Quali sono le cure che le mantengono, se non belle, guardabili in tutte le occasioni (per esempio dopo voli jet lag)?, di non preoccuparsi da che dentista andare se hanno il mal di denti, come aiutare i figli a "sistemarsi" e magari anche qualche parente e amici di parente...?

In quale "magione" hanno deciso di andare a svernare o in quale yacht sostare per respingere il caldo?

Quanti pochi paesi rimaranno a loro sconosciuti oltre quello dove abitano, dato che potranno (o dovranno) seguire il principe consorte nei viaggi di stato (e di piacere...)?

Quante persone (segretarie, addetti stampa, all'immagine ecc.) avranno a disposizione per imparare tutto quello che serve in tali circostanze?

Di quanti altri e vari privilegi dovranno usufruire per ammettere con loro stesse che alla fine...sono uscite dall'ombra della loro esistenza?

Quante di loro infine riameranno perdutamente quel loro marito che in privato è così poco signorile, così poco attento e che forse non le considera proprio? E rimetteranno in sesto quel rapporto zoppicante al quale, forse, hanno anche pensato di darci un taglio?

Quanti cocci sapranno attaccare con la forza di chi è abituato a vivere nell'ombra e a rimediare a tutto?

Pensate davvero che qualcuna di queste signore voglia raccontare di come il marito è sgarbato, sessualmente inadeguato, assente, sporcaccione e maleducato?

No, vi ingannate.

Nessuna rinuncerà ai privilegi "di seconda mano" che spettano loro solo per il fatto di aver sposato quell'uomo e di averlo sopportato.

Di avere condiviso le vittorie e le sconfitte...e perché dovrebbero mollarlo proprio adesso?

Se spesso il potere distrugge i sentimenti, in molti casi ne attizza la fiamma anche quando è diventata cenere.

Pensalibero, luglio 2007

Chiedi informazioni Stampa la pagina