• facebook

Home » Chi siamo » Direttore editoriale » Editoriali » Oggi » Rapporto 'She Figures 2007'
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Rapporto 'She Figures 2007'

Secondo quanto emerge dal rapporto "She figures 2007" (http://ec.europa.eu/research/science-society/pdf/she_figures_2006_en.pdf) pubblicato dalla Commissione Europea, la partecipazione femminile, in particolare in alcuni settori della scienza, quali l'ingegneria e le nuove tecnologie, si conferma estremamente bassa.

Il dato più sconfortante riguarda la rappresentanza femminile nelle posizioni più qualificate e di maggior responsabilità
: solo il 15% delle donne che lavorano negli istituti di istruzione superiore ha raggiunto il livello accademico più alto.
Le donne, dunque, partecipano alla ricerca scientifica dando ad essa un apporto fondamentrale, ma continuano a restare spesso escluse dalle decisioni strategiche e dalle politiche della ricerca.

Proprio per portare l'attenzione su queste importanti problematiche, è nata FAIR - Fairness and Accountability in Research, grazie all' iniziativa di due ricercatrici del Parco Tecnologico Padano di Lodi, Elisabetta Giuffra e Simona Palermo.

L'Associazione intende promuovere le pari opportunità a tutti i livelli delle carriere scientifiche, attraverso una serie di iniziative ed azioni mirate.

FAIR è nata da un misto di esigenze e casualità, come sostiene Elisabetta Giuffra "Dall' esigenza di aprire un confronto sulle tematiche di genere, si aggiunge la necessità sempre più pressante di comunicare in modo il più possibile 'imparziale' i risultati dei grandi progetti al pubblico, che ha bisogno di capire le nuove tecnologie e le loro effettive prospettive...dalla certezza che le tematiche di genere assumono un significato sempre più fondamentale in qualsiasi contesto della ricerca, al pari ad esempio della bioetica. Su questi aspetti, che vanno inseriti in un contesto più ampio di carattere sociale, quali equità, pari opportunità e riconoscimento del merito a tutti i livelli del lavoro, occorre confrontarsi e comunicare
"A ciò và aggiunto la voglia di fare qualcosa di nuovo, di diverso ma complementare alla ricerca... sostengono le due ricercatrici che in occasione dell'Anno Europeo delle pari Opportunità, hanno organizzato, in collaborazione con la Provincia e il Parco Tecnologico Padano di Lodi, il Workshop europeo "Mind the Gap 2007 - European Workshop on Gender Equity in Scientific Research - Workshop Europeo sull'Equità di Genere nella Ricerca Scientifica che si terrà il 28 giugno 2007 presso il Parco Tecnologico Padano.

La giornata si rivolge a tutti gli attori del mondo scientifico, dai giovani ricercatori/ricercatrici ai gestori delle politiche e strategie della ricerca, con lo scopo sia di portare in evidenza i "gap di opportunità che in alcuni casi ancora ostacolano le carriere femminili, sia di diffondere i risultati delle misure finora intraprese a complemento della ricerca su scala internazionale. A questo proposito, un'intera sessione sarà dedicata alla presentazione delle politiche comunitarie in tema di genere nella ricerca e in particolare alla presentazione del GAP (Gender Action Plans) che il Parco Tecnologico Padano realizza nell'ambito di due grandi network di ricerca europei.

Infine, alcuni prestigiosi esponenti del mondo della ricerca internazionale, scientifica e industriale, e del giornalismo, confronteranno le loro esperienze nel corso di un dibattito aperto alla partecipazione del pubblico.
Ospite d'eccezione dell'evento la Professoressa Rita Levi-Montalcini, Premio Nobel per la Medicina.
I
n video-intervista Margherita Hack, Professoressa emerita di astronomia all'Università di Trieste e Direttore della rivista di divulgazione scientifica di cultura astronomica Le Stelle.

Dols, luglio 2007



Chiedi informazioni Stampa la pagina