• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » 'Nascita e morte della massaia', di Paola Masino
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

'Nascita e morte della massaia', di Paola Masino

Paola Masino
Nascita e morte della massaia

Postfazione di Marina Zancan
Bompiani Editore
280 pagine | 13 euro

Scritto tra il 1938 e il 1939, il romanzo ha una travagliata storia editoriale: censurato dal Fascismo che lo giudica disfattista e cinico, una nuova versione ripulita da ogni riferimento all'Italia e alla sua realtà - in attesa di essere diffusa - brucia nella tipografia colpita da un bombardamento. Nel '45 finalmente il testo vede la luce, in un'edizione ricostruita dalla Masino sulle bozze di stampa nel tentativo di riportarlo alla lezione originaria.
Nascita e morte della massaia è la storia di una diciottenne senza nome che vive distesa in un baule, tra libri, ragnatele e tozzi di pane muffiti, fino a quando non è costretta a uscirne per sposare un vecchio zio e trasformarsi nell'angelo del focolare. Con una scrittura vibrante e inedita, capace di mescolare perfettamente registri diversi, Paola Masino traccia il profilo metafisico e surreale di un femminismo ante litteram. Una riflessione incredibilmente attuale sull'esistenza vana e superficiale a cui è costretta la donna e sul ruolo che le è riservato dalla società e dalla famiglia.

Paola Masino (1908-1989), autrice di drammi, romanzi e racconti, collaborò con numerose riviste tra cui 900, Epoca, Tempo. Nel 1927 conobbe Massimo Bontempelli con cui strinse un sodalizio sentimentale e professionale che durò tutta la vita, nonostante lo scandalo nel partito fascista e la disapprovazione morale. Ha scritto anche i romanzi Monte Ignoso (1931) e Periferia (1933).

Chiedi informazioni Stampa la pagina