• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2010 » "Battute da caserma" contro le reclute donne sono reato, 3 febbraio 2010
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

"Battute da caserma" contro le reclute donne sono reato, 3 febbraio 2010

La Cassazione stronca la discriminazione contro le donne militari. Sono infatti reato "le battute da caserma" che i superiori rivolgono alle reclute del gentil sesso.

Il monito arriva dalla Suprema corte che, con una sentenza di oggi (si veda link sotto), ha confermato la condanna a sei mesi di reclusione nei confronti di un maresciallo dell'esercito, istruttore di nuoto, che c'era andato pesante con due reclute donne, davanti agli altri colleghi.

Lui si era difeso sostenendo che le battute "erano state consumate in un ambiente militare, ove non può distinguersi lo spirito militaresco tra militari donne e militari di sesso maschile, distinzione viceversa, valorizzata dalla Corte di merito, che avrebbe altresì ghettizzato le posizioni delle due parti offese anche quando la condotta dell'imputato si rivolse a tutti i partecipanti all'addestramento".

Questa tesi non ha convinto la prima sezione penale della Cassazione che ha ritenuto il ricorso del maresciallo inammissibile perché manifestamente infondato e anche perché la difesa chiedeva una rivisitazione dei fatti e delle prove preclusa in sede di legittimità.

"Né - motivano gli Ermellini - possono ravvisarsi gli estremi della esimente atteso che anche in relazione a tale punto la Corte militare ha svolto una logica e puntuale motivazione, chiarendo da un lato che l'imputato commise i fatti mentre era impegnato nello specifico servizio di istruttore di nuoto e di educazione fisica in presenza di altri militari riuniti in servizio (in particolare l'episodio di abbassarsi leggermente i pantaloni), dall'altro l'atteggiamento offensivo era diretto proprio nei confronti delle ragazze, in quanto appartenenti all'altro sesso". Ad una delle due aveva detto "quanto vuoi".

Chiedi informazioni Stampa la pagina