• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2010 » Permesso di soggiorno alle prostitute che hanno anche un lavoro stabile, 25 febbraio 2010
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Permesso di soggiorno alle prostitute che hanno anche un lavoro stabile, 25 febbraio 2010

Può ottenere il permesso di soggiorno la prostituta che, oltre ad esercitare l'attività di meretricio, ha anche uno stabile lavoro in Italia.
Lo ha ribadito il Tar della Lombardia che, con la sentenza n. 459 del 25 febbraio 2010, ha messo nero su bianco che "l'attività di meretricio se esercitata da persona che è anche in possesso di uno stabile lavoro in Italia non è di per sé motivo di diniego del permesso di soggiorno, ma se il sostentamento dell'extracomunitario deriva in via esclusiva da detta attività, che comunque rimane contraria al buon costume anche se non costituisce reato laddove esercitata in certe forme, legittimamente viene negata la possibilità di permanere sul territorio nazionale".

Chiedi informazioni Stampa la pagina