• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2010 » Il clandestino può essere espulso anche se il figlio minore, accudito dall'altro genitore regolare, va a scuola in Italia, 10 marzo 2010
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Il clandestino può essere espulso anche se il figlio minore, accudito dall'altro genitore regolare, va a scuola in Italia, 10 marzo 2010

Legittima l'espulsione del genitore clandestino anche se i figli vanno ancora a scuola in Italia. Insomma deve lasciare il paese, se non ci sono eventi o necessità eccezionali del bambino, accudito dall'altro genitore munito di permesso di soggiorno.
Lo ha ribadito la Corte di cassazione che, con la sentenza n. 5856 del 10 marzo 2010, confermando la giurisprudenza prevalente e prendendo le distanze da due sole isolate recenti decisioni, ha confermato l'espulsione di un un immigrato albanese, con moglie in attesa della cittadinanza italiana e due figli minori residente a Busto Arsizio (Va).
Il diritto dell'immigrato a rimanere nel territorio italiano per evitare l'allontanamento dai figli minori ivi residenti e dalla moglie, essendo collegato alla primaria tutela del superiore interesse del fanciullo, si perfeziona esclusivamente nel caso in cui dall'allontanamento del genitore scaturisca un sicuro danno per i figli. Il semplice fatto che i bimbi siano inseriti a scuola, non rileva ai fini dell'espulsione del genitore.
L'uomo voleva l'autorizzazione a restare in Italia in nome del diritto del "sano sviluppo psicofisico" dei suoi bambini che sarebbe stato alterato dal suo allontanamento. I supremi giudici gli hanno risposto che è consentito ai clandestini la permanenza in Italia per un periodo di tempo determinato solo in nome di "gravi motivi connessi con lo sviluppo psicofisico del minore se determinati da una situazione d'emergenza". Queste situazioni d'emergenza, però, non sono quelle che hanno una "tendenziale stabilità" come la frequenza della scuola da parte dei minori e il normale processo educativo formativo che sono situazioni di "essenziale normalità". Se così non fosse, dice la Cassazione, le norme che consentano la permanenza per motivi d'emergenza anche a chi è clandestino finirebbero con il "legittimare l'inserimento di famiglie di stranieri strumentalizzando l'infanzia".

Chiedi informazioni Stampa la pagina