• facebook

Home » Attualità » Interviste » Anna Ottone, imprenditrice, fondatrice dell'Agenzia Welcome
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Anna Ottone, imprenditrice, fondatrice dell'Agenzia Welcome

Anna Ottone, è nata nel 1969 a Guayaquil (Ecuador), è residente e lavora a Torino dove ha creato l'Agenzia Welcome.

Vuole raccontarci quale è stato il suo percorso?

Nel 1995, a pochi mesi dalla mia laurea (Laurea in Scienze Politiche, indirizzo Politico-Internazionale) ho cominciato a lavorare in una azienda leader nel settore della componentistica elettronica nei settori risorse umane e commerciale.

Fin dai tempi dell'università mi ero resa conto che andare all'estero per migliorare la propria conoscenza della lingua straniera, oltre che per vivere una esperienza formativa, era uno dei desideri che accomunavano gran parte degli studenti. Ma parecchi di loro non potevano contare su importanti disponibilità economiche e spesso i programmi universitari erano selettivi e non alla portata di tutti. Sarebbe stato pertanto l'ideale trovare un lavoro in loco per mantenersi.

Un'esperienza vissuta sulla propria pelle che si è trasformata in progetto, dunque?

Si, ed per questo che nel 1998, proprio per andare incontro alla domanda crescente da parte dei giovani di avere qualcuno a cui rivolgersi per non partire alla cieca, ho creato a Torino l'agenzia Welcome, una iniziativa privata per stabilire contatti con paesi stranieri.

le nostre proposte sono rivolte a ragazzi e ragazze che, aderendo alle nostre iniziative, hanno la possibilità di imparare ed approfondire una lingua straniera STUDIANDO e LAVORANDO (quindi anche guadagnando e riuscendo a ripagarsi buona parte del loro soggiorno) nei paesi dell'Unione Europea.

Oggi ci sono diverse agenzie che si occupano di fornire questo servizio, che evidentemente ha una domanda sostenuta; la sua agenzia cosa offre in particolare o di diverso?

Welcome offre una serie di programmi lavorativi in tutti i paesi della Comunità Europea con proposte di:

1) lavoro alla pari presso famiglie

2) corso di lingua + lavoro retribuito in hotel, pub, ristoranti, negozi

3) corso di lingua + stage non retribuito presso aziende

4) solo corsi di lingua

Il nostro punto di forza consiste in una organizzazione di piccole dimensioni e fortemente motivata, dove i giovani sono seguiti ad uno ad uno con meticolosità.

Succede, ed è successo, che arrivati in loco i giovani non abbiano interlocutori validi; avete vostri corrispondenti che diano garanzia alle famiglie oltre che ai giovani stessi?

I corrispondenti all'estero sono scelti con la massima serietà perché possano garantire ai ragazzi, una volta arrivati a destinazione, una assistenza accurata.

La spinta che l'ha portata ad intraprendere attività imprenditoriale in questo settore, ci è chiara. Spesso sosteniamo che le donne lavorano con qualche valore aggiunto o diverso rispetto ai loro colleghi uomini; vorrei chiedere quindi all'imprenditrice-donna quale è il pensiero ispiratore di quest'impegno...

Il mio desiderio è di contribuire a favorire la circolazione e l'integrazione dei giovani nella Comunità Europea e in tutto il mondo dando l'occasione di approfondire, senza costi, la lingua inglese (ma anche altre lingue) in un contesto europeo dove questa lingua è diventata quella dei cittadini comunitari, offrendo la possibilità di trovare poi, se lo si desidera, un lavoro stabile in altri paesi della Comunità Europea con un "determinante biglietto da visita" per coloro che cercano lavoro sia in Italia che all'estero.

Chiedi informazioni Stampa la pagina