• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Care ragazze, un promemoria, di Vittoria Franco
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Care ragazze, un promemoria, di Vittoria Franco

Vittoria Franco

Care ragazze
Un promemoria



"Care ragazze, ho incontrato tante di voi, in circostanze e luoghi diversi: nelle scuole, nelle università, nei partiti, nelle associazioni. Alcune entusiaste e consapevoli, altre sfiduciate, dal futuro incerto, rassegnate. Altre ancora desiderose di affermarsi, di superare ogni ostacolo pur di realizzare i propri progetti di vita...". È per loro che Vittoria Franco stila un promemoria delle libertà femminili conquistate dalla sua generazione, e l'intento è tutto rivolto al presente e al futuro di chi a quelle lotte non ha partecipato: ricordare che la libertà e i diritti delle donne non sono acquisiti una volta per tutte, e che l'impossibilità di praticarli fino in fondo li rende lettera morta fino a farli scomparire. Scoprire l'esperienza di donne che hanno lottato duramente per conquiste che oggi si danno per scontate; sapere che prima del 1974 in Italia non era possibile divorziare, che prima del 1978 l'aborto era illegale; che fino al 1975 la donna era sotto tutela del padre, del fratello o del marito e non aveva neanche diritto all'eredità; che prima del 1996 la violenza sessuale era un delitto contro la morale e non contro la persona: tutto questo serve come monito a non tornare a una concezione proprietaria della donna e a contrastare i tentativi di ricacciarla nei ruoli tradizionali e consueti. È vero, oggi le ragazze occupano la scena pubblica,ma è solo quella delle immagini televisive, che distorce la libertà e favorisce la mercificazione del corpo. Ecco, dunque, un promemoria dei tanti passi che le donne hanno fatto, ma soprattutto dei tanti ancora da fare, quelli decisivi per una reale parità e una cooperazione con gli uomini nella costruzione di una democrazia effettiva."


Vittoria Franco è ricercatrice di Storia della filosofia alla Scuola normale superiore di Pisa. Senatrice dal 2001, è stata responsabile delle Pari opportunità del Partito democratico. È stata presidente della Commissione cultura del Senato nella XV legislatura. Per i tipi della Donzelli ha pubblicato: Etiche possibili. Il paradosso della morale dopo la morte di Dio (1996) e Bioetica e procreazione assistita. Le politiche della vita tra libertà e responsabilità (2005).

Chiedi informazioni Stampa la pagina