• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » "Per amore e per forza", di Cristina Morini
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

"Per amore e per forza", di Cristina Morini

Per amore o per forza

Femminilizzazione del lavoro e biopolitiche del corpo
di Cristina Morini

Ombre Corte edizioni


il libro
Come ci illustra questo libro, l'attuale condizione delle donne può essere interpretata solo all'interno dell'insieme dei dispositivi di assoggettamento e di sfruttamento, di controllo e di espropriazione in atto, vale a dire nel quadro generale della razionalità politica che caratterizza la nostra epoca: una nuova economia politica fondata non solo sulla messa al lavoro della vita in generale ma sullo spostamento del baricentro della produzione dall'economia dei beni materiali alla sempre più centrale mobilitazione delle risorse cognitive, linguistiche, affettive, cooperative, sociali nella produzione stessa. La femminilizzazione del lavoro, e più in generale la femminilizzazione di una bioeconomia fondata sull'espropriazione della produttività della vita che eccede di gran lunga la mera sfera del lavoro, non è solo il nome di un fenomeno che implicherebbe l'ingresso massiccio delle donne sul mercato del lavoro o più generalmente nella sfera della produzione, è anche e soprattutto il nome di una estensione paurosa delle condizioni di sfruttamento e di assoggettamento storicamente riservate alle donne all'intera sfera della produzione.
Di questa femminilizzazione diventata paradigma generale, Cristina Morini elenca e analizza le caratteristiche a partire da una dimensione d'inchiesta che permette alla lettura sociologica ed economica della realtà di essere sempre intrecciata con una lettura politica. Totale sovrapposizione tra tempo di lavoro e tempo di vita, indistinzione tra produzione e riproduzione, centralità sempre più accertata del lavoro di cura, precarizzazione e flessibilizzazione del lavoro salariato, integrazione dentro il lavoro salariato di forme di produzione non retribuite e che eccedono il tempo di lavoro, difficoltà a mantenere spazi di autodeterminazione, di soggettivazione e di messa in comune delle esperienze, impossibilità quasi totale a mantenere un senso prospettico, aperto, del proprio tempo di vita ecc., sembrano ormai caratterizzare la vita di ognuno, sullo sfondo del nuovo regime biopolitico di accumulazione.

l'autrice
Cristina Morini, giornalista e saggista, si occupa da anni della condizione lavorative femminile e dei processi di trasformazione del lavoro. Tra le sue pubblicazioni più recenti: La serve serve (DeriveApprodi, 2001), "Il divenire Infedele del lavoro", in Reddito per tutti, a cura del Bin Italia Network (Manifestolibri, 2009), La vita messa al lavoro, in "Sociologia del lavoro", 115, 2009, e Il lavoro nell'epoca delle passioni tristi, in "DWF", 1, 2110.


Chiedi informazioni Stampa la pagina