• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » L'amore che non osa dire il suo nome, di Flaminia Nucci
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

L'amore che non osa dire il suo nome, di Flaminia Nucci

L'amore che non osa dire il suo nome
Psicologia dell'omosessualità maschile e femminile
di Flaminia Nucci
Magi ed.

Il libro esamina la dinamica psichica dell'omosessualità, maschile e femminile, in relazione alla dinamica eterosessuale. Accanto a una sintesi della storia dell'omosessualità e un panorama sulle diverse scuole di pensiero sull'eziologia dell'orientamento sessuale, l'autrice indaga le modalità con cui si costruisce l'identità omosessuale, a partire dall'infanzia e dall'adolescenza. Il nucleo del libro è costituito dalla descrizione dell'esperienza soggettiva degli omosessuali: l'accettazione della propria "diversità", quindi, i differenti modi di porsi dei componenti della coppia nei confronti del mondo esterno, la clandestinità e l'emarginazione, il confronto con la propria omofobia interiorizzata e con quella "legittima" altrui.
La condizione omosessuale, che oggi può essere ancora fonte di grandi sofferenze, è - nella convinzione dell'autrice - anche foriera di innovazione e progresso sociale e culturale: l'apertura e l'indipendenza che contraddistinguono gli omosessuali consentono loro di essere portatori di nuovi modi di intendere l'amicizia, l'amore, le relazioni, la sessualità e la famiglia.

Questo volume, nel mentre indaga i processi psichici e le questioni sociali, ci parla sempre e innanzitutto dell'amore. E, come tutte le forme d'amore, anche quello omosessuale elude qualunque piena comprensione e, infine, rimane un mistero.

Flaminia Nucci si è diplomata alla Libera Scuola di Terapia Analitica di Milano (Li.S.T.A.), la cui attività formativa e didattica si fonda sul pensiero e la prassi clinica di Carl Gustav Jung.
È socia fondatrice e presidente dell'Associazione culturale "Il filo di Arianna", che si prefigge di creare occasioni di incontro, ricerca e dibattito sulle esperienze dell'anima umana, oggi. Pittrice e studiosa della potenza autoriparatrice e costruttiva di ogni gesto creativo, vive e lavora a Milano.

Chiedi informazioni Stampa la pagina