• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2011 » Separazione: lei torna da mammà al paesello, lui non riavrà i figli, 19 maggio 2011
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Separazione: lei torna da mammà al paesello, lui non riavrà i figli, 19 maggio 2011

Separazione: lei torna da mammà al paesello, lui non riavrà i figli
Incensurabile la scelta di chi cerca il sostegno della famiglia d'origine dato l'esiguo contributo dell'ex

Lei? Porta via i figli dal loro "habitat" per portarli al paesello d'origine, un "contesto arcaico e rurale". A lui non basta giocare la carta dello sradicamento della prole per ottenere l'affido dei minori e la revoca dell'assegno di mantenimento. La scelta, osservano i giudici, è compiuta nell'interesse dei figli: l'affidataria cerca nella famiglia d'origine, residente nelle campagne del Sud, quel sostegno anche economico che l'esiguo contributo a carico dell'ex coniuge da solo non è in grado di assicurare. È quanto emerge da una sentenza pubblicata il 19 maggio 2011 dalla prima sezione civile della Cassazione.

Doppia sconfitta
Confermato l'affidamento dei figli alla signora, nonostante il trasferimento da un ridente cittadina balneare del Centro come Senigaglia a una ruspante e piccola località pugliese. Sarà pure "arretrato" il contesto sociale meridionale in cui dovranno ambientarsi i figli, ma certo è che nulla si può rimproverare alla signora: ha dimostrato di saper fare il ruolo di madre e decide di tornare al paese d'origine perché là ha i genitori che possono prendersi cura dei bambini, mentre i 200 euro al mese che le passava l'ex marito non bastano di certo. Doppia batosta per lui: il mantenimento aumenta a 450 euro mensili perché l'onerato ha finito di pagare il mutuo, diventando proprietario dell'ex casa coniugale. Incensurabile la motivazione della decisione di merito, censurata per la (presunta) mancata comparazione fra i contesti sociali di vita dei figli prima e dopo il trasferimento voluto dalla madre.

Chiedi informazioni Stampa la pagina