• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Stasera Anna dorme presto, di Simona Lo Iacono
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Stasera Anna dorme presto, di Simona Lo Iacono

Stasera Anna dorme presto
di Simona Lo Iacono
ed. Cavallo di Ferro

Due donne. Due uomini.
Quattro diari della stessa, consumata, storia di amore e tradimenti, del me­de­si­mo adulterio, ognuno però scritto da un diverso punto di vista, attraverso sofferen­ze, sacrifici, illusioni personali. Quattro voci che si rincorrono per rac­­contare, ciascuna, un frammento di una verità che a tutti sfugge.

Anna abbandona la Sicilia e le proprie aspirazioni per sposare Carlo, giovane av­vocato dal brillante avvenire, e seguirlo a Roma. Una lacerazione as­se­con­da­ta sperando in un futuro mi­glio­re, in cui poter continuare liberamente a coltivare la sua passione per la letteratura e la scrittura. Ma le cose non vanno come Anna aveva pensato: con Carlo la freddezza cresce fi­no al gior­no in cui lei scopre di Eli­sa, un'in­traprendente av­vo­catessa che, affascinata dal maturo prin­cipe del Foro, ne è divenuta l'amante. A quel punto An­na pro­verà ad andare indietro con la memoria, a riallacciare i fili del­la storia alla ricerca di ciò che sta all'origine di tutto. Ma non lo farà da sola, la accompagneranno la voce di Elisa e quelle di Carlo e Giovanni, suo cugino.
E allora sarà come assistere a un processo in cui ogni ruolo è ribaltabile nell'altro e tutti i punti di vista appaiono le­gittimi, perché si sa che nella vita ognuno di noi è insieme e inevitabilmen­te vit­tima e car­nefice.
In Stasera Anna dorme presto Simona Lo Iacono racconta una storia sull'incapacità di sapersi aprire veramente all'altro, an­che quando lo si ama, e sull'importanza, nella vita e nell'amore, di abbandonarsi completamente.


Simona Lo Iacono è nata e vive a Si­racusa. Magistrato da 14 anni, at­tual­men­­te dirige la Sezione distaccata di Avo­la. Cura, sul blog Let­te­ra­ti­tu­dine di Massi­mo Maugeri (Ka­ta­web-­l'Espres­so), una rubri­ca fissa a metà tra diritto e letteratura. Con il suo primo romanzo, "Tu non dici pa­role", ha vinto il Premio Vitto­rini 2009, sezione opera prima. Nel 2010 ha pubblicato il racconto "La coda di pesce che in­seguiva l'amore", scritto con Mas­simo Mau­­geri. Sempre nel 2010 le sono stati con­feriti: il Premio Inter­na­zio­nale Sici­lia "Il Paladino" per la nar­rativa e il Pre­mio Festival del ta­len­to cit­tà di Si­ra­cu­sa. Col­labora a riviste e magazine.

Chiedi informazioni Stampa la pagina