• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » L'ultima passeggiata, di Gabriella Guidi Gambino
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

L'ultima passeggiata, di Gabriella Guidi Gambino

L'ultima passeggiata
Gabriella Guidi Gambino

Collana: Romanzi Mursia

"È l'una di notte. Una ragazza passa veloce sul lungotevere Marzio. È vestita di scuro, con abiti dimessi. La vede un giovane impiegato di commercio, di ritorno a casa. Ode un colpo d'arma da fuoco. Si volta: la ragazza è scomparsa."

Roma, 4 gennaio 1918. Il corpo di una profuga di Guerra viene trovato sul greto del lungotevere Marzio. Un caso di cronaca nera come tanti altri che all'epoca viene archiviato troppo facilmente, ma che in realtà nasconde una trama di voci, di retroscena, di menzogne e di verità sofferte.
Ai giorni nostri Lisa Gritti, impegnata in una ricerca sui comportamenti criminali, e l'anziano penalista Giacomo Sanfelici si addentrano in quella vicenda e, ripercorrendo le carte processuali, esplorano le vite e i turbamenti nascosti dei vari personaggi: un dongiovanni dissoluto e senza scrupoli, una seduttrice bellissima e diabolica, e un bambino condannato a un'infanzia buia e priva di punti di riferimento. Sullo sfondo delle note della musica di Bach, tra le stanze austere di un villino in stile liberty e le passeggiate nei vigneti della campagna romana, prende vita una torbida vicenda d'amore, di tradimenti, di complotti, tra ricchezza e miseria, libero arbitrio e volontà, memoria e sogno.
Un romanzo dai tratti psicologici che s'insinua nell'animo umano e nelle sue mille sfaccettature, in un equilibrio, spesso instabile, tra bene e male.

Gabriella Guidi Gambino vive e lavora a Roma. Ha pubblicato i romanzi Venuto da lontano (1979) e Ti scrivo per confessarti (1989), i racconti Alina e altre storie (2000), le raccolte poetiche Terra nuova (1986), Segreti silenzi (1993), L'ombra dei giorni (2002) e Dov'è il tuo canto (2007), la ricerca antologica Parole e Segni (1998). Ha collaborato con quotidiani e riviste, tra cui la "Fiera letteraria", "la rivista del Cinematografo" "il Gazzettino" e "il Tempo", in rubriche di attualità culturale. Ha realizzato servizi televisivi con testi e regie per la Rai. Ha ricevuto il Premio "Città di Roma" (1986) per la narrativa inedita, il Premio "Chianciano" (1987) per la poesia opera prima e il Premio "Fregene" per la poesia (1993).

Chiedi informazioni Stampa la pagina