• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2011 » Divorzio, il manager evita l'assegno: per i redditi basta la dichiarazione, irrilevanti le quote societarie, 1 dicembre 2011
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Divorzio, il manager evita l'assegno: per i redditi basta la dichiarazione, irrilevanti le quote societarie, 1 dicembre 2011


Divorzio, il manager evita l'assegno: per i redditi basta la dichiarazione, irrilevanti le quote societarie
La capitolazione della prova testimoniale chiesta dall'ex coniuge deve indicare le entrate ignote al Fisco

Sorpresa: il manager evita di pagare l'assegno divorzile in favore dell'ex coniuge che gode di un tenore di vita analogo a quello di cui beneficiava in costanza di matrimonio. E la "dispensa" del giudice arriva sulla base della sola dichiarazione fiscale, mentre risultano irrilevanti le altre partecipazioni societarie su cui insiste la richiedente: la prova testimoniale richiesta risulta legittimamente non ammessa perché la relativa capitolazione è priva dell'indicazione di un reddito ulteriore rispetto a quello che emerge dalle dichiarazioni fiscali. Questo il portato della decisione contenuta nella sentenza 25717/11, pubblicata il primo dicembre 2011 dalla prima sezione civile della Cassazione.

Chiedi informazioni Stampa la pagina