• facebook

Home » La memoria » Scritti d'Archivio » Almanacco della Donna Italiana, anno1925: generalità del calendario
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Almanacco della Donna Italiana, anno1925: generalità del calendario

Almanacco della Donna Italiana, anno1925

Generalità del calendario. Consigli per il mese di marzo alle lettrici:

"In Marzo tira il vento .... e il tempo fa più capricci di una bella donna.

I repentini sbalzi di temperatura nuociono alla salute e alla bellezza. È questo il mese in cui occorre prodigare cure speciali alla pelle la quale, sia pel cambiamento di stagione sia per mutamenti atmosferici è soggetta ad alterarsi. Si devono aver riguardo specialmente le persone dal derma arido, che in questo mese si irrita di più e ha spesso bruciori e volatiche. È indispensabile in tal caso, proteggere il viso prima di uscir di casa e prevenirne le alterazioni con una crema dolcificante. Nessuna è migliore del cold-cream al burro di cacao che mantiene la freschezza e la morbidezza ed è pure un potente preservativo delle rughe. Si fanno fondere a bagno-maria 8 grammi di cera bianca e 8 grammi di bianco di balena con 60 grammi di olio. di mandorle dolci e 30 grammi di burro di cacao purissimo. Fuse quelle sostanze, si versano in un recipiente di marmo o di maiolica e vi si aggiungono a poco a poco 45 grammi di acqua di rose, sempre rimestando e triturando con un pestello in vetro o in marmo. Quando l'acqua di rose è tutta assorbita si sbatte ancora la miscela per una ventina di minuti. Quanto più questa crema è sbattuta, tanto più sarà fine e perfetta, e proteggerà bene il viso e le mani dal vento e dai cambiamenti di temperatura vellutandoli.


Non solo il viso, ma tutto il corpo ha spesso la pelle irritata e che s'irruvidisce in questa stagione. È necessario addolcirla con bagni emollienti, come il seguente che è di un'efficacia straordinaria per l'igiene e la bellezza.

Si fanno bollire insieme in una quantità di acqua sufficiente a ricoprirli, due kilogrammi di crusca fine, mezzo Kg. (di orzo mondo, mezzo Kg. di riso, sei o sette manciate di fiori di malva. Quando l'orzo e il riso sono ben cotti, si cola la miscela in una tinozza ove già vi sia l'acqua calda per il bagno. Vi si sta per una ventina di minuti e se ne ritrarrà un benessere delizioso. Un medico specialista Parigino, consiglia alle Signore anche se use alla spugnatura o all'immersione quotidiane, (di prendere quel bagno una volta il mese. Esso leviga la pelle più scabra, l'imbianca e fa sparire irritazioni, bruciori, efflorescenze, ruvidezza, prurito. È insomma un impareggiabile bagno di bellezza, tanto più se seguito da frizioni con uno speciale olio aromatico, che rassoda i tessuti dermici, dando al corpo e al viso una freschezza eterna.".

Chiedi informazioni Stampa la pagina