• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Anatomia della ragazza zoo, di Tenera Valse
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Anatomia della ragazza zoo, di Tenera Valse

Anatomia della ragazza zoo
di Tenera Valse
Il Saggiatore ed.

Da una provincia del Sud che esala orrore fino a una Roma fantasmagorica, tra gli anni settanta e ottanta si consuma il dramma di una disintegrazione familiare. Ci sono due sorelle quasi gemelle e un fratello. C'è la madre. C'è il padre. Ci sono le bombe degli anni di piombo, preti e vicine pettegole sullo sfondo. Dietro una facciata di inappuntabile rispettabilità, come un Crono borghese il padre soffoca e tenta di divorare i tre figli con le sue ossessioni, li opprime, ne cerca l'annullamento. Alla crudeltà paterna si ribella la primogenita Alea, l'unica in grado di sfidarlo, somministrando il veleno che scioglierà il mistero all'origine di tanta violenza. Perché alla base di questo romanzo di formazione che si trasmuta in romanzo di deformazione c'è un trauma indicibile; ma cosa ci potrà mai essere di così orrifico nella crescita di una bambina normale in una famiglia normale da farla diventare ragazza zoo? Chi è la ragazza zoo? Alea ha venticinque anni quando scompare una vigilia natalizia: abbandona la famiglia e rinuncia ai crismi della vita borghese. Nessuno la cerca, nessuno denuncia la sua scomparsa: né i genitori, né il fratello che vive a New York, neppure la sorella Càmila, l'unica con la quale mantiene rapporti segreti. Alea si rifugia in un ambiente sotterraneo e cunicolare, il suo atelier, la cava dove realizza opere bizzarre e performance, impiegando in ogni modo il proprio corpo: come una messa in scena dei suoi ricordi d'infanzia...

Chiedi informazioni Stampa la pagina