• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2012 »  Niente affido condiviso se uno dei genitori mostra un disagio esistenziale, 12 dicembre 2012
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Niente affido condiviso se uno dei genitori mostra un disagio esistenziale, 12 dicembre 2012


Niente affido condiviso se uno dei genitori mostra un disagio esistenziale
Irrilevante che il minore chieda la costante frequentazione con il papà distaccato emotivamente


Il giudice deve disporre l'affido esclusivo del figlio al genitore attento alle sue esigenze se l'altro mostra una eccessiva fragilità emotiva e una propensione per l'alcool. È irrilevante che il ragazzo chieda continui incontri con il papà fragile, che comunque potrà continuare ad esercitare il diritto di visita. Sono queste le conclusioni cui è giunto il Tribunale di Roma che, con la sentenza 20357/12, ha accolto la domanda di affido esclusivo presentata da una mamma che chiedeva fosse revocata la bigenitorialità sulla ragazza date le grosse fragilità emotive dell'ex marito. Ora la giovane, come da sua richiesta ai servizi sociali, potrà continuare a incontrare il padre, sospettato di abuso di alcol, per via della depressione che lo aveva colpito subito dopo la separazione.
I giudici hanno motivato la decisione ricordando che perché possa derogarsi alla regola dell'affidamento condiviso, occorre che risulti nei confronti di uno dei genitori una condizione di manifesta carenza o inidoneità educativa o comunque tale da rendere quell'affidamento in concreto pregiudizievole per il minore, con la conseguenza che l'esclusione della modalità dell'affidamento condiviso dovrà risultare sorretta da una motivazione non più solo in positivo sulla idoneità del genitore affidatario, ma anche in negativo sulla inidoneità educativa del genitore che in tal modo si escluda dal pari esercizio della potestà genitoriale oltre che sulla non rispondenza all'interesse del figlio dell'adozione, nel caso concreto, del modello legale prioritario di affidamento. Quindi, deve ritenersi che ipotesi di affidamento esclusivo siano individuabili ogni qualvolta l'interesse del minore possa essere pregiudicato da un affidamento condiviso, ad esempio, nel caso in cui un genitore sia indifferente nei confronti del figlio, non contribuisca al mantenimento del figlio, manifesti un disagio esistenziale incidente sulla relazione affettiva.

Chiedi informazioni Stampa la pagina