• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Cambiare le parole per cambiare il mondo , di Giulietta Ruggeri
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Cambiare le parole per cambiare il mondo , di Giulietta Ruggeri

Cambiare le parole per cambiare il mondo
Pari Opportunità punto a capo, uno studio del caso Genova.

di Giulietta Ruggeri
liberodiscrivere® edizioni


La società è composta di donne e di uomini che devono affrontare il conflitto con tutte le identità sessuali. La libertà femminile è una pratica quotidiana di moltissime donne con cui tutti devono misurarsi in primo luogo gli uomini che devono a loro volta imparare a disegnare la propria libertà.
Le politiche di Pari Opportunità sono ormai intese come politiche per tutti, dove "tutti" sono i soggetti "deboli", ma, le donne non sono soggetti deboli. è necessario, invece, un nuovo patto sociale fra tutti i soggetti per rifondare una cultura dell'interdipendenza tra gli uni e gli altri e il mondo, contro una deriva culturale che vede l'individuo sempre più atomizzato.
Il linguaggio che si usa è fondamentale per una comprensione del rapporto tra i sessi e, dunque, anche per capire il fenomeno della violenza di genere.
Genova rappresenta un caso particolare di forte emancipazione femminile che, talvolta non permette di percepire neanche più le discriminazioni di genere nel tentativo di superarle con la forza dell'orgoglio femminile.
Questo studio vorrebbe anche essere uno stimolo per studios* con specifiche competenze sociologiche a indagare sulle peculiarità che emergono dalla presente ricerca così come aveva iniziato a fare il compianto sociologo Paolo Arvati.

Chiedi informazioni Stampa la pagina