• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Sulle spalle delle donne. Memorie di una bambina di campagna, di Normanna Albertini
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sulle spalle delle donne. Memorie di una bambina di campagna, di Normanna Albertini

Sulle spalle delle donne. Memorie di una bambina di campagna
di Normanna Albertini
Garfagna Editrice

Il prete, i venditori ambulanti, qualche emigrato nelle città che tornava per le vacanze erano gli unici canali attraverso cui la nuova lingua arrivava a noi bambini dei piccoli paesi di campagna. Insieme alla radio che, in quel periodo, ogni famiglia aveva provveduto ad inserire tra i pochi arredi delle cucine. Era stato tutto uno squarciare di pareti (far dei buchi nei muri a sasso delle case vecchie implicava provocare voragini) per infilarci delle mensole su cui poggiare la radio, anzi: l' "aradio", sostantivo maschile che iniziava per vocale. Così, l'"aradio" andava a fare compagnia all'asse attaccata sopra al lavandino a cui erano appesi i secchi dell'acqua potabile, alla stufa dal piano con i cerchi di ghisa (la cucina economica smaltata di bianco, con quella scritta illeggibile in tedesco che era la marca), alla panca di legno.

Chiedi informazioni Stampa la pagina