• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Le proprie opinioni: lasciamo che si formino fin da bambini
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Le proprie opinioni: lasciamo che si formino fin da bambini


Imparando da piccoli ad esprimere le proprie opinioni non si rischia da adulti di finire prigionieri nella gabbia dell'inferiorità e in ultima analisi, della sottomissione. Gabbia che impedisce alla persona di vivere in maniera autentica la propria esistenza.

Per formarsi delle opinioni personali è indispensabile crescere in un ambiente che renda possibile la vera libertà di pensiero e favorisca la capacità critica. Non dobbiamo però confondere ciò con il lasciar crescere i ragazzi senza regole e senza rispetto per gli adulti (genitori, insegnanti, educatori), al contrario è bene non imporre le proprie opinioni suggerendole magari come le migliori. E' importante per chi è in crescita avere a disposizione diversi punti di riferimento e non un solo modello culturale, politico e sociale. Conoscere ciò che ci circonda è il primo passo verso la libertà di pensiero. Come si può esprimere un'opinione se non si conoscono le diverse realtà? È inammissibile che in una società come la nostra, ricca di strumenti tecnologici utili alla conoscenza, sia emersa la grande falla dei sei milioni di analfabeti totali. (fonte: Eurispes, 18 novembre 2005) Ora forse sono aumentati...

Possiamo considerare Socrate il primo grande maestro della storia, egli sosteneva qualcosa di molto interessante per i nostri fini. Paragonandosi ad una levatrice esprimeva la sua intenzione di voler "far nascere " le idee, ciò significa che le idee devono essere partorite dalla mente dell'uomo e non inculcate dall'esterno con un atto di forza. Imporre le proprie opinioni è violenza, far nascere le idee è dare la libertà.

Conoscere e avere come esempio dei genitori abituati ad esprimere la proprie opinioni senza imporle sono condizioni fondamentali per imparare a farsi valere. Poi, quotidianamente dobbiamo fare lo sforzo di ascoltare i bambini e di non sottovalutare mai i loro pensieri, stando attenti che siano davvero personali. Ciò favorisce l'instaurarsi di un dialogo utile al confronto tra i nostri e i loro pareri. Confrontarsi vuol mettere in relazione le rispettive posizioni, discuterne e trovare punti di accordo e di contrasto.

Maria Giovanna Farina


Chiedi informazioni Stampa la pagina