• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2014 » Il minore conteso deve essere sentito come parte e non interrogato quale teste sul mantenimento
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Il minore conteso deve essere sentito come parte e non interrogato quale teste sul mantenimento

Figlio under 18 soggetto e non oggetto di diritti grazie alla Cedu. La testimonianza scritta del nonno che ha problemi a muoversi può ben essere concordata dopo l’ammissione delle prove - 13 gennaio 2014


Il minore conteso deve essere sentito come parte e non interrogato quale teste. Il fanciullo under 18, infatti, è ormai ritenuto soggetto di diritti e non oggetto più di diritto e dunque costituisce parte sostanziale, ad esempio, nella causa sul mantenimento: ne consegue che in tal caso le norme di cui agli articoli 155 sexies e 315 bis Cc si pongono in rapporto di deroga e specialità rispetto alle previsioni di cui agli articoli 244 e seguenti Cpc. Ancora: la testimonianza scritta può essere concordata dopo l'ammissione delle prove in caso opportune di sopravvenienze processuali.

Lo precisa l'ordinanza pubblicata dalla nona sezione civile del tribunale di Milano

Chiedi informazioni Stampa la pagina