• facebook

Home » Attualità » Interviste » Alba Dell'Acqua, presidente Moica Basilicata
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Alba Dell'Acqua, presidente Moica Basilicata

di Maria Giovanna Farina

Alba Dell'Acqua ha partecipato agli Stati generali delle donne per rappresentare il Moica Basilicata e la città di Matera. Come Presidente della sua regione si è concentrata sul lavoro invisibile e la cura, impegno quasi esclusivamente femminile, puntando anche sul tema del cibo in linea con l'EXPO. Alba racconta l'importanza del Vicinato, della vita in comune portata avanti dalle donne di un tempo

-Pensiamo al forno a legna: era una struttura indispensabile per la vita del vicinato. Ogni donna impastava settimanalmente per la propria famiglia, il famoso pane di Matera con pezzature fino a 5 chili e lo marchiava con il proprio timbro di riconoscimento. Possiamo dire che la vita nei Sassi e quindi tutta la sua architettura sia stata impostata sul lavoro di cura delle donne -

Il ruolo delle donne era rigidamente separato dal quello degli uomini ma questo non era un problema esclusivamente meridionale

- No, infatti. Le donne stavano a casa ad accudire i figli, assistere gli anziani, sbrigare le faccende domestiche e tessere perché si doveva salvaguardare l'unità e l'integrità della famiglia anche attraverso un controllo dei comportamenti femminili. Le donne del Nord invece godevano di una maggiore autonomia e una diversificazione dei lavori già intorno alla fine dell'ottocento -

Ma oggi qual è la condizione delle donne del Sud?

-La più recente rilevazione dei dati ISTAT ha confermato i dati Svimez e fa tremare i polsi, certificando il totale fallimento delle pari opportunità nel meridione. Nel Mezzogiorno la probabilità di lavorare delle ragazze è solo 2 su 10. C'è stato sicuramente il cattivo investimento dei fondi europei con interventi a pioggia e non mirati ad una logica di sviluppo territoriale. C'è anche il problema del Welfare: le donne del Sud hanno difficoltà ad inserirsi nel mondo del lavoro anche perché sono ancora gravate da tutti gli oneri familiari, la cura dei bimbi, l'assistenza agli anziani e i lavori domestici-

Sono tante le strutture e i servizi necessari per migliorare la vita delle donne e quindi delle famiglie come gli asili nido e so che vi state impegnando, ma vorrei sapere cosa farà il Moica, movimento italiano casalinghe, della Basilicata soprattutto grazie alla grande opportunità di Matera "città della cultura 2019"?

-Il Movimento Italiano casalinghe della Basilicata promuoverà fortemente il turismo esperienziale attraverso il quale le donne materane potranno far conoscere la straordinarietà della civiltà contadina con le doti dell'accoglienza e la capacità di cura che sono patrimonio della cultura del Sud. Sarà un turismo soft, defiscalizzato, le casalinghe opportunamente formate, potranno ospitare i turisti nelle proprie abitazioni, preparando per loro i piatti tipici anche coinvolgendoli nelle attività di preparazione del cibo. Sempre le donne potranno far partecipare i turisti nella produzione di manufatti artigianali attraverso laboratori specifici. Le donne saranno quindi promotrici di un turismo diverso, non veloce e rapido, non un turismo invasivo e consumistico-

Allora non perdiamo questa occasione, visitiamo anche da turisti Matera e tutta la Basilicata ricordando che il cibo, la cucina, i manufatti e i luoghi fanno parte del patrimonio culturale del nostro Paese: una risorsa a cui dobbiamo aggrapparci con forza sia per il riscatto femminile, ma anche per quello dell'Italia tutta.

Maria Giovanna Farina www.mariagiovannafarina.it

© Riproduzione riservata

Foto di M.G.Farina

Chiedi informazioni Stampa la pagina