• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » DA GARIBALDI A CHE GUEVARA. Storie della mia famiglia
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

DA GARIBALDI A CHE GUEVARA. Storie della mia famiglia

di Beatrice Mortillaro - Navarra Ed.

Dalla rivolta garibaldina del 1860, passando per le due Guerre mondiali, a Che Guevara e ai desaparecidos della dittatura del generale Videla: dall'Italia all'Argentina, due secoli di Storia raccontati attraverso le vicende biografiche della famiglia Mortillaro

Da Garibaldi a Che Guevara è la storia della famiglia siciliana Mortillaro, molto nota a Palermo per un passato imprenditoriale di successo nelle aziende dei Florio e per la vicinanza con autorevoli intellettuali, fra cui il filosofo Giovanni Gentile. Alla fine dell'Ottocento, alcuni membri della famiglia emigrarono in Argentina diventando attivi sostenitori delle lotte per la democrazia ed ebbero modo di conoscere i protagonisti della tormentata storia sudamericana, fra cui Che Guevara. Beatrice Mortillaro ricostruisce i momenti della rivolta garibaldina della Gancia nell'aprile 1860, che vide protagonisti i suoi avi, l'orrore del secondo conflitto mondiale e l'uscita dal tunnel della guerra e va poi alla ricerca dei parenti argentini: la loro vita e l'indagine sulla tragica vicenda di uno di loro, desaparecido durante la dittatura di Videla, conquista il lettore attraverso le testimonianze appassionate dei parenti ancora rimasti in Argentina e a Cuba.Una storia vera, un avvincente susseguirsi di vicende storiche e personaggi leggendari, magistralmente intrecciati e raccontati, con passione e ritmo, dall'autrice, esponente del ramo della famiglia rimasto in Sicilia, ormai anziana signora ed essa stessa protagonista di lotte sociali, soprattutto di quelle femministe degli anni Settanta.

Corredata da un ricco apparato iconografico, Da Garibaldi a Che Guevara è una storia vera appassionante come un romanzo

Beatrice Mortillaro Salatiello è nata a Palermo, dove vive. Ha lavorato presso il reparto di Neuropsichiatria infantile del Policlinico nel ruolo di terapista familiare, con formazione prevalentemente psicanalitica, specializzandosi presso l'Università La Sapienza di Roma. È stata impegnata politicamente in campo femminista. Componente dell'Ass. nazionale dell'UDI e della rivista Noi donne. Ha fatto parte della Società italiana delle storiche diretta da Annarita Buttafuoco. La Facoltà di Lettere e filosofia di Palermo ha pubblicato una sua ricerca sulle donne iscritte alla Facoltà di lettere ai primi del Novecento e sul loro impegno emancipazionis

Chiedi informazioni Stampa la pagina