• facebook

Home » Rubriche » Interviste e Sviste » Siamo sorelle: Cristiana Pegoraro e la sua "ricetta" per la sorellanza
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Siamo sorelle: Cristiana Pegoraro e la sua "ricetta" per la sorellanza

Cristiana Pegoraro è pianista e compositrice, nata in Umbria: la sua fama è mondiale. Esegue un suo vasto repertorio, si muove dalla esecuzione classica fino al tango di Astor Piazzolla. È reduce da numerosi successi, in particolare il recente sold out presso il celebre teatro Carnegie Hall di New York. Direttrice del Narnia Festival, è l'unica pianista italiana al mondo ad eseguire tutte la 32 sonate di Beethoven.

Cristiana sei stata premiata, il tuo CD PIAZZOLLA TANGOS ha vinto la MEDAGLIA D'ORO ai GLOBAL MUSIC AWARDS, si sono complimentate con te molte donne?

(Ride)… diciamo che mi è rimasto in mente un commento molto acido, di gelosia acuta da parte di una vecchia conoscenza….poi mi sono ricordata che abbiamo iniziato insieme a suonare.

Cosa ti ha detto?

Sostanzialmente che mi devo dare una calmata... Per tornare all'argomento, non si può dire che la sorellanza non esista, ma esiste poco sia dal punto di vista lavorativo che di amicizia. Quando si verifica però è molto profonda. Sono convinta che le donne possano lavorare a tante cose contemporaneamente, il multitasking ce l'hanno nella genetica, le molto brave poi possono arrivare davvero in alto. Quando dico brave intendo quelle donne che non si fanno condizionare da gelosie e invidie veramente stupide: purtroppo sono davvero, ripeto, troppo poche. Nel campo professionale è molto difficile, da un lato si può capire perché se io do spazio a te potresti prendere il mio posto. Nell'essere umano è insita la paura che ci possa essere qualcuno che ti scavalchi, che abbia più opportunità di te.

Ognuna di noi ha le proprie peculiarità, ad esempio tu sei una pianista molto brava e anche se ce ne fosse un'altra con pari requisiti sarebbe diversa in qualcosa, magari avrebbe un altro repertorio…

Sono d'accordo. Devo aggiungere che non è una prerogativa esclusivamente femminile, succede anche con gli uomini anche se purtroppo devo ammettere che le gelosie sono più frequenti tra donne.

Gli uomini sono molto più solidali tra loro.

Eh, sì, già da piccoli, basti pensare agli sport: c'è più aggregazione tra gli uomini.

Vorrei conoscere la tua ricetta per poterci avviare vero una solida sorellanza, uno strumento pratico per superare queste difficoltà.

Secondo me la vera ancora di salvezza sta nel tentare di essere più sicure di se stesse, la gelosia fa leva proprio sull'insicurezza. Se sono sicura di me stessa, vale a dire se capisco bene chi sono e quello che faccio, tutto diventa più semplice. Di me stessa dico che non sono la migliore pianista del mondo e neppure la donna migliore: ho lati positivi e negativi. Importante è conoscere i propri pregi e i propri difetti, quali sono i propri limiti. La gelosia sparisce se sei sicura di te stessa. Il mondo è grande, ognuno, se si dà da fare, può trovare il suo angolino.

Sottolineiamo la tua idea: la sicurezza in se stesse può sconfiggere la gelosia.

Sì, è così. Una relazione tra due o più persone ha necessità però di collaborazione, deve avere il presupposto che tutti la vogliano quella relazione. Se solo una persona la vuole di meno ecco che …

La sorellanza non si può attuare, quindi seguendo il tuo suggerimento puntiamo sulla sicurezza di sé.

Maria Giovanna Farina ©Riproduzione riservata

Chiedi informazioni Stampa la pagina