• facebook

Home » Rubriche » Interviste e Sviste » Siamo sorelle: dialogo con Camilla Occhionorelli
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Siamo sorelle: dialogo con Camilla Occhionorelli

Camilla Occhionorelli, presidente del MOICA Lombardia e Segretaria generale è laureata in Economia e Commercio all'l'Università Cattolica di Milano: con molto entusiasmo ci ha dato il suo prezioso contributo sul tema della sorellanza.

Cosa pensi delle Sorellanza?
Credo sia la cosa principale della nostra vita. A mio avviso noi siamo capaci di capire cos'è bene cos'è male, quindi siamo in grado di capire che non è male essere amiche e sorelle di un'altra persona... tra gli uomini c'è una maggiore solidarietà, anche se sbagliano, pure se hanno fedi calcistiche diverse. Dovremmo imparare, prendere esempio da loro: noi donne dobbiamo riscoprire il valore della sorella e dell'amica anche se si hanno opinioni diverse.

Quello che stai dicendo mi riporta alla figura materna e alla capacità femminile di avere le caratteristiche dell'accudimento.

Direi proprio di sì, perché la mamma ama i propri figli al di là che siano capaci, intelligenti o meno intelligenti, vivaci fino a farla disperare. Anzi! Pensiamo alla parabola del Figlio prodigo, una madre non giudica mai. Ricordo una storiella che raccontava la mia nonna: un figlio aveva ucciso la madre e lei "dall'alto" quando il figlio era caduto malamente gli diceva: "Ti sei fatto male?". Praticamente lo sosteneva nonostante lui l'avesse uccisa.

La mamma è la persona che dà al figlio senza condizioni.

Eh, sì. Era una storia che mi raccontava mia nonna, una donna con una solida cultura contadina capace di dimostrare come una madre superi tutto, anche la barriera di un figlio che l'ha uccisa.

L'esempio è proprio calzante! Allora qual è la ricetta di Camilla per una possibile maggior Sorellanza?

Dobbiamo recuperare noi stesse, non è facile perché a volte gli impulsi negativi si impongono su di noi, ma è anche vero che abbiamo la libera scelta. Tenere a bada i nostri istinti più bassi è la cosa più difficile, ma è anche quella che ci nobilita.

Fammi un esempio…

Non so, se ho un'amica che mi ha fatto un dispetto, non si è comportata bene con me ed io riesco a sollevarmi da questa barriera che è sorta tra noi, allora io sono una grande persona!

Chiedi informazioni Stampa la pagina