• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2016 » Sei mesi per il divorzio breve dopo l'accordo per la separazione perfezionato davanti al sindaco
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sei mesi per il divorzio breve dopo l'accordo per la separazione perfezionato davanti al sindaco

Il patto semplificato sulla consensuale al Comune produce gli effetti dei provvedimenti giudiziali che sostituisce: il termine per la cessazione degli effetti civili decorre quindi dall’atto che lo contiene - Legge, 20 maggio 2016

Il termine per proporre la domanda di divorzio breve di cui alla legge 55/2015 è di sei mesi da quando le parti hanno perfezionato l'accordo di separazione davanti al sindaco del Comune. Il patto semplificato stipulato davanti all'ufficiale di stato civile dell'ente, infatti, produce gli effetti e tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che sostituisce e dunque il termine decorre dalla data dell'atto che racchiude l'intesa semplificata davanti all'autorità amministrativa. È quanto emerge da una recente sentenza pubblicata dalla nona sezione civile del tribunale di Milano.

Effetto ex lege
Alla decisione si arriva sulla base del combinato disposto dell'articolo 3 della legge Fortuna-Baslini e delle disposizioni di riferimento contenute nel dl sulla negoziazione assistita. L'articolo 6 comma quarto del decreto legge 132/14 convertito nella legge 162/14, infatti, prevede che l'accordo raggiunto a seguito della convenzione produce gli effetti e tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale. Quanto agli accordi conclusi davanti al sindaco del Comune, l'articolo 12 comma terzo del decreto 132/14 dispone che l'accordo tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale. Risultato: in entrambi i casi l'accordo vale come una separazione consensuale e ne consegue che il termine per accedere al procedimento divorzile è di sei mesi. E ciò perché oggi il decorso del termine per la proponibilità della domanda di divorzio è un effetto tipico ex lege della separazione consensuale e vale tanto per le negoziazioni assistite quanto per gli accordi conclusi in Comune.

Chiedi informazioni Stampa la pagina