• facebook

Home » Rubriche » Gestione del denaro » Brexit: cui prodest?
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Brexit: cui prodest?


Et voilà l'ennesimo tonfo delle borse mondiali! Questa volta la scusa è il Brexit, il referendum del 23 giugno che deciderà l'uscita o meno della Gran Bretagna dall'Unione Europea.
Mentre si intensificano le voci della probabile vittoria dei favorevoli all'uscita, gli indici di borsa crollano, trascinando con se milioni di euro e migliaia di azionisti.
Di fatto la Gran Bretagna ha sempre mantenuto una posizione particolare all'interno dell'Unione Europea, continuando ad imporre limiti alla libera circolazione dei cittadini e mantenendo una moneta diversa dall'euro: una posizione da nobili sudditi di Sua Maestà che non amano mescolarsi con il volgo europeo o, per lo meno, non più di tanto.
A chi gioverebbe se restassero con noi comuni europei? Sicuramente a loro, visto che una fuoriuscita del regno di Sua Maestà dall'Unione indebolirebbe la sterlina, già ai minimi da un mese e mezzo, provocando un destabilizzante effetto domino tra i restanti membri che potrebbero farsi coraggio e abbandonare a loro volta la nave.
A chi gioverebbe se invece ci facessero bye-bye? Londra, oggi centro finanziario dell'Europa verrebbe a mancare e Francoforte e Parigi assumerebbero più importanza sulla scena europea, con conseguente probabile ripresa economica.
L'Italia purtroppo non ne ricaverebbe molto, distrutta come è stata dall'Euro mentre la Germania acquisiva un vantaggio strategico su tutta l'Eurozona, nonché il controllo totale della nostra economia (senza contare la distruzione della Grecia).
Quali saranno, quindi, le sorti dell'Europa? Come diceva Napoleone "gli inglesi sono una nazione di bottegai. Quando votano lo fanno col portafogli e non con il cuore". Dato che il Brexit sarebbe un disastro per loro, resteranno nell'Unione continuando a guardarci dall'alto in basso dopo essere riusciti a mandare in fumo un bel po' dei nostri risparmi.
Solo chi è padrone dell'informazione potrà, non solo evitare le perdite in borsa, ma guadagnare un sacco di soldi … Non sarebbe ora di capire i giochi per trasformare una perdita pesante in un'occasione unica?

Potereconomico.com è una società con sede a Milano che ha fatto dell'educazione finanziaria rivolta alle donne il proprio credo e lotta quotidianamente per sconfiggere l'ignoranza economica che porta inesorabilmente le donne a rovinarsi con le proprie mani. Con Il Portale delle Donne pubblica regolarmente "pillole" di finanza personale per debellare la scarsa cultura finanziaria ancora oggi presente in Italia.

Chiedi informazioni Stampa la pagina