• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Siamo pronti per la vacanza? Suggerimenti filosofici a partire dalla prova costume
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Siamo pronti per la vacanza? Suggerimenti filosofici a partire dalla prova costume

Prepararsi per le vacanze non è solo essere in linea per la prova bikini. Questa prova tra l'altro è meglio farla con un certo anticipo, magari indossando il costume qualche volta in casa ci si abitua a tollerare eventuali chili in più, se poi non vi tornano i conti fate un po' di movimento in più ed eliminate gli eccessi alimentari. Naturalmente il nostro prepararsi per le vacanze è di natura filosofica. Come ci si prepara per la vacanze con filosofia?
- Prima di tutto i giorni che ci separano dalla partenza devono trasformarsi in un pregustare la vacanza e ciò ci fa avvertire meno il caldo, la fatica di un anno di lavoro e lo stress dei preparativi
- Poi il vero filosofo non si fa aspettative superiori alle reali possibilità, non lo fa in alcuna circostanza, quindi anche dalle vacanze si aspetta il giusto mezzo
La vacanza deve essere un momento di interazione con gli altri, ma un'interazione giocosa nel senso di incontrare, conoscere e sperimentare senza aspettarsi che duri per sempre. Ciò sia in campo delle amicizie che sentimentale. Quando la vacanza è finita ed ognuno torna alla propria vita spesso si dimentica delle persone conosciute, ma c'è chi non lo fa e soffre per la delusione del disinteresse: "Ecco non si fa più sentire, eppure sembrava tanto interessato...". Questo discorso non è un inno alla superficialità e nemmeno la negazione delle possibile unioni solide durante le vacanze, ma se si entra nell'ottica di godersi le opportunità al presente, come ci ha suggerito Marco Aurelio che invita a vivere il presente come unica dimensione di cui siamo padroni (il passato non c'è più e il futuro non sappiamo se arriverà), ecco che le nostre vacanze si trasformano in un momento di rigenerazione del corpo e dell'anima. Ci aiutano a diventare capaci di non aspettandoci nulla, di viverle per quello che sono. Se le nuove conoscenze avranno un seguito, goderemo la vera felicità perché non ci siamo aspettati nulla di più della normalità. Tra l'altro non aspettarsi nulla di esagerato ci permette di apprezzare al momento eventuali piacevoli imprevisti.

Maria Giovanna Farina

Chiedi informazioni Stampa la pagina