• facebook

Home » Chi siamo » Direttore editoriale » Editoriali » LA TRAPPOLA DEL GENERE: DONNE, VIOLENZA E POVERT€
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

LA TRAPPOLA DEL GENERE: DONNE, VIOLENZA E POVERTÀ

19 5

Più del 70 per cento delle persone che nel mondo vivono nell'indigenza, secondo le stime dell'Onu1, sono donne. Perché più dei due terzi delle persone povere sono donne, sebbene queste rappresentino solo la metà della popolazione mondiale?

La discriminazione è uno dei temi chiave della povertà. In alcuni paesi la discriminazione contro le donne è parte integrante delle leggi nazionali, in altri persiste nonostante leggi per la parità. Le donne non hanno lo stesso accesso alle risorse e ai mezzi di produzione come la terra, il credito e i diritti di eredità. Non ricevono gli stessi stipendi degli uomini e la maggior parte di loro ha un impiego non retribuito. Spesso hanno posti di lavoro informali senza alcuno standard di sicurezza o protezione sociale. Allo stesso tempo sono ancora le principali responsabili della cura della famiglia e della casa.
La maggior parte delle persone che vivono in povertà nel mondo sono donne
La povertà, per le donne, è sia causa che conseguenza della violenza. Le donne che subiscono aggressioni fisiche, sessuali o psicologiche perdono il loro reddito e la loro capacità produttiva viene danneggiata. Inoltre, la violenza contro le donne impoverisce anche le loro famiglie, le loro comunità e le loro società. D'altra parte, l'indigenza rende più difficile per loro trovare una via di fuga dai maltrattamenti. Se è vero che l'indipendenza economica non protegge le donne dalla violenza, l'accesso alle risorse economiche può migliorare la loro capacità di compiere scelte significative. Una donna che è economicamente dipendente dal proprio partner non vede altre possibilità per il sostentamento suo e dei suoi figli.

Una ragazza che rimane incinta a causa di uno stupropotrebbe vedersi precludere l'accesso all'istruzione, riducendo così le prospettive di lavoro e di un futuro indipendente.

La violenza rende le donne povere e sono le donne povere quelle più esposte alla violenza. Molte di coloro che vivono negli insediamenti abitativi precari subiscono quotidianamente abusi sia in casa che per strada. Svolgono impieghi informali, sono sottopagate e lavorano in condizioni deplorevoli. Le lavoratrici migranti, alla ricerca di migliori condizioni di vita, spesso subiscono sfruttamento e abusi dai datori di lavoro o dalla criminalità organizzata.

La discriminazione e la violenza contro le donne vanno per mano, contribuendo alla negazione del diritto delle donne alla salute, all'istruzione, a una casa e al cibo. La povertà, inoltre, mette le donne e le ragazze a rischio di ulteriori abusi e violenze, chiudendo il circolo vizioso.

Le donne appartenenti a particolari gruppi sociali, tra cui le popolazioni native, i gruppi etnici, razziali, religiosi o le minoranze linguistiche e i migranti, subiscono una doppia discriminazione, sia come membri di tali gruppi che come donne. Inoltre, alcune sono in particolar modo esposte alle violenze, come le donne native e rifugiate, quelle bisognose, quelle in carcere, quelle con disabilità, le più giovani, le più anziane e quelle che vivono in situazioni di conflitto armato.

La povertà è più che una semplice mancanza di reddito: è anche mancanza di sicurezza, di voce, di scelte. La voce delle donne povere raramente viene ascoltata. L'indigenza si manifesta in diverse forme e colpisce le persone e i paesi in maniera differente; alcuni gruppi sono più colpiti di altri, sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo. Le donne subiscono gli effetti della povertà in maniera particolare a causa del loro ruolo nella società, nella comunità e nella famiglia.

Tuttavia le donne non sono vittime passive. Sono sempre di più cittadine partecipi e attiviste per i diritti umani che reclamano i loro diritti, si organizzano chiedendo giustizia e riconoscimento delle responsabilità e lavorano per migliorare le loro vite e la situazione delle loro famiglie e comunità. Sono proprio loro gli agenti del cambiamento più affidabili e di successo, non solo per famiglie e comunità ma per tutta la società. Gli esempi di questo cambiamento positivo possono essere trovati in ogni parte del mondo.

SPARTIZIONI INIQUE

Attiviste per i diritti umani afgane protestano contro una legge discutibile che temono possa comportare ulteriori restrizioni al movimento per la libertà delle donne di Shia, aprile 2009. La legge è stata rivista per includere alcuni cambiamenti positivi proposti dalle attiviste per i diritti umani, sebbene rimangano alcune preoccupazioni.

impedimento alla loro indipendenza economica.
Spesso tali disuguaglianze di genere derivano da leggi apertamente discriminatorie che negano gli stessi diritti agli uomini e alle donne, anche laddove la costituzione garantisce uguaglianza.

Le leggi e gli standard internazionali richiedono a tutti gli stati di proteggere, rispettare e promuovere uguali diritti per le donne, ma in molti paesi ciò non avviene, in relazione al diritto di proprietà o di eredità, alla protezione dalle violenze, al matrimonio e alle leggi sul divorzio, alla libertà di movimento, alla piena capacità giuridica e all'uguaglianza di fronte alla legge.

Nonostante producano dal 60 all'80 per cento del cibo dei paesi in via di sviluppo, le donne posseggono solo l'un per cento della terra

La violenza contro le donne comporta ineguaglianza e accentua la povertà riducendo la capacità delle donne di contribuire produttivamente alla famiglia, all'economia e alla vita pubblica. Inoltre toglie risorse ai servizi sociali, al sistema giudiziario, alle istituzioni sanitarie e agli imprenditori.

Il potenziale delle donne nell'ottenere successi economici, nel condurre intere comunità fuori dalla povertà è dimostrato dall'esperienza della Commissione per il progresso agricolo in Bangladesh (Brac). La Brac è diventata la più grande organizzazione di sviluppo della società civile nel mondo, mettendo donne e ragazze al centro della sua strategia contro la povertà e

assumendole come agenti attivi del cambiamento.
Negli anni, la Brac ha organizzato donne e ragazze e,

Nonostante producano dal 60 all'80 per cento del cibo dei paesi in via di sviluppo, le donne posseggono solo l'un per cento della terra2. Nell'Africa subsahariana, la maggioranza delle donne lavora nel settore dell'agricoltura ma la legge consuetudinaria spesso nega alle figlie e alle mogli il diritto di ereditare le terre che coltivano. In alcuni paesi, alle donne è richiesto il permesso del marito o la co-intestazione del conto per avere accesso al credito delle banche. L'accesso diseguale al credito, alle terre e all'eredità è il maggior

con la loro partecipazione attiva, ha guidato, ridefinito e portato su scala industriale modalità pratiche per migliorare il loro accesso alle risorse. La Brac promuove programmi di microcredito ed educazione in Asia e Africa, coinvolgendo più di 110 milioni di persone, e si auto finanzia per più dell'80 per cento.

LE DONNE LAVORANO DALL'ALBA AL TRAMONTO

Le donne guadagnano il 10 per cento del reddito mondiale sebbene svolgano due terzi del lavoro3.

Sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo, le donne guadagnano molto meno degli uomini per lo stesso lavoro
Le donne e le ragazze portano il peso del lavoro domestico e hanno responsabilità maggiori in periodi di crisi. Le donne delle zone rurali spendono molto del loro tempo andando a prendere l'acqua, raccogliendo legna da ardere, lavorando nei campi e occupandosi dei bambini piccoli o dei familiari malati ma questo impegno non è retribuito e la sua importanza non è riconosciuta. Sia le donne delle zone rurali sia quelle delle città lavorano in settori informali, spesso sottopagate o con compiti pericolosi senza riguardo per i loro diritti. Una ricerca dell'Onu ha stimato che in Africa, l'84 per cento del lavoro delle donne fuori dal settore agricolo è informale4.

Donne che macinano il grano in un villaggio a nord della Sierra Leone, 2009.

Il degrado ambientale e il cambiamento climatico colpisce le vite di moltissime donne e ragazze. Quando siccità o alluvioni devastano il paesaggio, molti uomini migrano verso i centri urbani in cerca di lavoro ma sfuggire ai disastri naturali è molto più difficile per le donne, specialmente per quelle con bambini a carico. Devono lavorare più duramente per produrre il raccolto, camminano a lungo per procurarsi l'acqua o raccogliere legna da ardere e sopravvivono fino all'esaurimento delle risorse. Quando queste sono scarse, sono loro a sacrificarsi. Secondo il World Food Programme5, sette persone su 10 tra coloro che soffrono la fame nel mondo sono donne e ragazze.

Secondo il Segretario generale dell'Onu, l'impatto della globalizzazione e di politiche come la deregolamentazione economica e la privatizzazione dei settori pubblici hanno contribuito ad accentuare i problemi legati alla mancanza di parità tra uomini e donne, specialmente all'interno delle comunità più emarginate. Il ridimensionamento economico ha ridotto i programmi statali e la spesa pubblica in molti paesi e, mentre l'industrializzazione e le migrazioni offrono alle donne la possibilità di guadagnare un buon salario al di fuori dei confini nazionali, queste sono impiegate principalmente in attività che le vedono segregate e sottopagate6.

Sia nei paesi sviluppati che in quelli in via di sviluppo, le donne guadagnano molto meno degli uomini per lo stesso lavoro. Di conseguenza, anche nei paesi ricchi, molte donne vivono in una condizione di povertà

Una studentessa di Port-au-Prince, Haiti, indossa una delle spille di un progetto di donne sudafricane a sostegno della campagna di Amnesty International "Mai più violenza sulle donne", marzo 2008. Decine di migliaia di sue coetanee non vanno a scuola a causa della povertà.

relativa, specialmente se sono single o hanno figli a carico. Molte subiscono discriminazioni e molestie sul posto di lavoro e le donne migranti sono particolarmente esposte a questo tipo di abusi. La povertà le può spingere a forme di lavoro illegali o semi-illegali, spesso tenute segregate, come nei lavori domestici o nell'industria manifatturiera o in quella del sesso. Molte si trovano intrappolate come vittime del traffico di esseri umani o in forme moderne di schiavitù. T., una ventisettenne delle Filippine, è una delle decine di migliaia di domestiche migranti in Giordania. Il suo datore di lavoro le ha sequestrato il passaporto appena arrivata e l'ha fatta lavorare 17 ore al giorno, sette giorni a settimana. Le veniva concesso un piccolo pasto e la chiudeva in casa quando usciva. Ha vissuto così per due anni ma il suo datore di lavoro non le ha pagato quasi un anno di stipendi e l'ha
costretta a rimanere alle sue dipendenze altri due mesi senza visto. Infine T. è saltata dalla finestra del secondo piano nel tentativo di scappare e si è rotta una gamba. Il suo datore di lavoro l'ha denunciata alla polizia accusandola di furto, nel tentativo di rimandare ulteriormente il pagamento degli stipendi arretrati. Egli infine ha pattuito di pagarle il biglietto di ritorno per le Filippine, ma non il salario dovuto; così T. è potuta tornare a casa tra la fine del 2008 e l'inizio del 2009.

La povertà e l'emarginazione non solo mettono le donne a rischio di violenza, ma le costringono a lavorare invece di andare a scuola o per potersi pagare gli studi. Secondo le stime dell'Unicef, nel 2007,
bambine e ragazze tra i 6 e i 17 anni lavoravano come domestiche ad Haiti. Lontane dalla famiglia, dagli amici e isolate dal resto del mondo, queste ragazze sono particolarmente esposte al rischio di abusi. Stephanie è una di loro. Ha lavorato fin dall'età di 12 anni, in cambio solo del vitto e dell'alloggio, vendendo oggetti per strada per pagarsi l'istruzione. Stava ritornando a casa con la sua merce e l'incasso della giornata quando è stata aggredita da tre uomini e stuprata. La sua merce e il suo denaro sono stati rubati e ha dovuto lasciare gli studi perché non poteva più pagare le tasse scolastiche.

RAGAZZE ESCLUSE DALL'ISTRUZIONE

Tre quarti degli adulti analfabeti del mondo sono donne7. L'istruzione è essa stessa un diritto e un mezzo per il pieno godimento di altri diritti. Per le ragazze che non hanno accesso all'istruzione si riducono le opportunità di un'indipendenza economica e aumentano le probabilità che si sposino molto giovani, causando una serie di problemi psicologici e fisici. La mancanza di istruzione inoltre incrementa sensibilmente la possibilità di contrarre l'Hiv e di morire durante il parto. Tutto ciò rende molto più difficile per donne e ragazze affrontare la vita sociale con successo e reclamare i loro diritti.

La povertà costringe le famiglie a compiere delle scelte difficili quando devono pagare gli studi dei figli. Spesso viene data la precedenza all'istruzione dei ragazzi rispetto a quella delle ragazze, perché sono visti come coloro che in futuro si faranno carico del sostentamento della famiglia. In molti paesi, le ragazze si occupano delle faccende domestiche con le loro madri finché non diventano mogli e madri loro stesse. Sebbene la realtà è che madri più istruite hanno figli più sani e istruiti, l'istruzione delle donne non è considerata altrettanto importante.

In Tajikistan, la combinazione di stereotipi di genere e alti costi scolastici porta al fatto che circa una ragazza su cinque abbandona la scuola tra i 13 e i 14 anni. Molte famiglie non possono affrontare le spese basilari per l'istruzione dei loro figli, come l'acquisto di libri scolastici, vestiti e spostamenti, perciò di solito si sceglie di mandare a scuola solo i maschi, che probabilmente saranno in grado di guadagnare di piùdurante la loro vita. Molte ragazze non terminano il proprio percorso formativo, ma al contrario si prendono cura dei membri della loro famiglia, lavorano nei campi o al mercato, oppure si sposano ancora giovani.

Moltissime lasciano la scuola a causa di violenze o molestie sessuali, o per paura di subirle. In ogni parte del mondo si verificano infatti abusi nelle scuole: un'analisi fatta negli Usa ha riscontrato che l'83 per cento delle studentesse degli istituti pubblici ha subito una qualche forma di molestia8.

Molte non vanno a scuola o la abbandonano molto presto perché si sposano molto giovani, nonostante la legge lo proibisca, con uomini molto più grandi di loro. Si ritrovano con un'istruzione minima se non nulla e pochissime prospettive di indipendenza economica e di conseguenza senza possibilità di decidere della loro vita.

Tre quarti degli adulti analfabeti del mondo sono donne

Una ragazza irachena di 27 anni, madre di tre bambini, ha raccontato ad Amnesty International nel maggio 2008 che suo padre l'ha costretta a sposarsi con un uomo molto più vecchio di lei quando aveva solo 13 anni. Dopo molto tempo suo marito ha mosso contro di lei una falsa accusa di adulterio perché voleva divorziare ed evitare la responsabilità di mantenerla e si è ritrovata detenuta nella prigione femminile di Erbil.

Da bambina aveva ricevuto un'istruzione minima e, da sola, non ce l'avrebbe fatta a mantenere se stessa e i suoi bambini. Adesso spera che suo marito le permetta di tornare a casa e di vivere lì come domestica, se lui lo vuole, per poter almeno stare con i suoi bambini.

In molti paesi, quando ci sono pochi soldi e l'istruzione è costosa, molte ragazze intrattengono relazioni sessuali, non potendo fare altrimenti, per esempio con i così detti "sugar daddies" (uomini più anziani che fanno regali o pagano in denaro), in modo da potersi permettere un'istruzione.

DISCRIMINAZIONE MULTIPLA

Le donne spesso si trovano ad affrontare una discriminazione multipla: sono discriminate e vengono loro negati diritti in quanto donne e in quanto facenti parte di un gruppo emarginato, così come le donne che vivono in povertà subiscono discriminazione semplicemente per il fatto di essere povere.

La discriminazione multipla è intimamente collegata alla violenza contro le donne. Rende alcune di loro più soggette a certe forme di violenza perché hanno un più basso status sociale rispetto ad altre e perché i responsabili degli abusi sono consapevoli che è meno probabile che queste sporgano denuncia o chiedano assistenza. La discriminazione che le donne si trovano ad affrontare preclude loro l'accesso alla giustizia, alla protezione e ai servizi; questa esclusione nasce dalla povertà e la radica ulteriormente.

Molte delle donne che vivono nell'indigenza non hanno accesso alle cure sanitarie perché non possono sostenerne i costi o perché non possono affrontare le spese per raggiungere le strutture sanitarie. Altre trovano ostacoli perché non sono istruite, non parlano la lingua ufficiale o perché non vengono loro date le informazioni di cui hanno bisogno.

Le disparità vengono mostrate chiaramente dal bilancio sulla mortalità materna: ogni minuto una donna muore a causa di complicazioni legate alla gravidanza e al parto. La vasta maggioranza – più del 95 per cento – di queste donne è povera e viene da paesi in via di sviluppo. Nei paesi sviluppati, è più probabile che coloro che appartengono alle minoranze razziali ed etniche siano povere e debbano superare ostacoli maggiori per poter ottenere accesso ai servizi sanitari9.

Per esempio, negli Usa, è quattro volte più probabile che le donne afro-americane muoiano durante il parto rispetto alle donne caucasiche10.

Il Perù ha uno dei più alti tassi di mortalità materna nelle Americhe. La maggior parte delle donne che muoiono in gravidanza o durante il parto sono contadine, povere e native che, in pratica, non ricevono gli stessi servizi sanitari delle altre donne nel paese. L'accesso ai servizi sanitari riflette le profonde iniquità della società peruviana. Coloro che vivono nelle aree rurali hanno una possibilità di accesso alle cure ostetriche vitali d'emergenza di gran lunga inferiore e a volte non ricevono informazioni sulla salute materna. Le donne native si trovano spesso ad affrontare ulteriori ostacoli perché non parlano spagnolo e perché sono vittime di pregiudizi profondamente radicati.

La discriminazione spesso porta all'esclusione dall'accesso alla giustizia, alla protezione e ai servizi

Le donne in Sudafrica, in particolare le donne della maggioranza nera, sono di gran lunga più povere e in maggior numero affette dall'Hiv. Il governo ha ampliato l'accesso gratuito alla terapia antiretrovirale per le persone che convivono con l'Hiv o l'Aids ma trattamenti, cure e servizi di supporto sono ancora forniti soprattutto attraverso gli ospedali, che subiscono forti pressioni, piuttosto che attraverso le strutture sanitarie di base. I costi di trasporto sono alti rispetto agli stipendi delle persone e per le donne che vivono nelle comunità rurali più povere è particolarmente difficile raggiungere gli ospedali per iniziare o continuare i trattamenti sotto una supervisione medica. Molte non hanno cibo sufficiente, essenziale per superare gli effetti collaterali della cura antiretrovirale. Il basso status sociale delle donne aggrava il problema della povertà, poiché questo significa che non ricevono la propria parte dei seppur limitati beni familiari. TH., che era solita pranzare con 12, e a volte 20, altri membri della famiglia di suo marito, ha raccontato ad Amnesty International, nel maggio del 2007, che quando c'era scarsità di cibo lei era l'ultima a mangiare. Ha detto: "Io sono l'ultima ruota del carro".

In molti paesi la giustizia è effettivamente negata alle donne povere che possono solo ricorrere alle

tradizionali forme locali di giustizia, fortemente sbilanciate a favore degli uomini. Per esempio, le donne che subiscono violenza domestica spesso non

Una donna peruviana incinta in una casa d'attesa materna dove può riposare prima di andare alla struttura sanitaria più vicina per partorire.

hanno protezione legale. L'unico modo in cui essepossono sfuggire all'abuso è attraverso il divorzio, ma le
pratiche legali discriminatorie e le attitudini sociali lo rendono difficile se non impossibile. Le donne che vivono nelle zone rurali della Sierra Leone e cercano giustizia, si scontrano con una serie di ostacoli. Il matrimonio, il divorzio, il mantenimento, la proprietà e l'eredità sono spesso regolati da leggi consuetudinarie che discriminano le donne. Secondo queste leggi, attive in tutte le zone al di fuori della capitale, lo status di una donna nella società è equivalente a quello di un minorenne. Prima del matrimonio è subordinata a suo padre o a suo fratello; dopo il matrimonio, a suo marito.

Se questo muore, è subordinata a un parente maschio, di solito un fratello, fino a quando non si risposa. Nel tentativo di arginare questa discriminazione, nel 2007, furono approvate delle leggi che proibiscono la violenza domestica e regolano l'eredità, il matrimonio e il divorzio.

Tuttavia, un organo governativo nominato per procedere alla loro attuazione ha rilevato che, all'interno delle comunità vi è pochissima comprensione dei dettagli di queste leggi e che, in
larga parte, non sono state attuate. A volte, la forza e la determinazione di una sola donna che combatte contro la discriminazione multipla ha cambiato la situazione dei diritti per tutte le donne di una nazione, come nel caso di Bhanwari Devi, una dalit dal Rajasthan in India, attivista dei diritti umani. Nel 1992, Bhanwari venne stuprata da una banda di cinque uomini gurjar, dopo che lei aveva raccontato alla polizia di un matrimonio

Una veglia per onorare le donne native scomparse o assassinate, Parliament Hill, Ottawa, ottobre 2007. In Canada, le donne native affrontano livelli di violenza più alti rispetto alle altre donne. Secondo il Provincial Partnership Committee on Missing Persons, nella provincia del Saskatchewan, il 60 per cento dei casi a lungo termine di donne scomparse riguarda donne native, sebbene queste siano soltanto il 6 per cento della popolazione.

combinato di una bambina di nove mesi. Gli uomini
vennero processati ma il giudice sentenziò che lo stupro non poteva essere avvenuto, in quanto un uomo di una casta superiore non avrebbe potuto stuprare una donna di una casta inferiore; inoltre, lei era troppo vecchia e non attraente perché dei giovani la violentassero.
Gli imputati vennero condannati per crimini minori e, in seguito, rilasciati. La sentenza portò a una grande campagna nazionale per ottenere giustizia per Bhanwari Devi, che venne ostracizzata e stigmatizzata come "sporcata dallo stupro", all'interno della sua comunità. La campagna portò a nuove linee guida legali sulla violenza sessuale sul posto di lavoro e le denunce di casi di stupro nel Rajasthan aumentarono in maniera esponenziale. Ad oggi, sebbene il suo caso sia in fase di stallo, Bhanwari Devi e il suo continuo lavoro a sostegno delle donne dalit sono un segnale di speranza per le donne della regione.

IL DESTINO DELLE DONNE, LE DECISIONI DEGLI UOMINI

I costumi, la cultura e la religione insieme alla povertà costituiscono un ostacolo per l'accesso delle donne ai processi politici. Non è permesso loro di farsi sentire e decidere delle loro vite, incluso se e quando essere madri. La battaglia per il controllo sulla vita delle donne si gioca in modo ancora più decisivo sulla questione dell'aborto. Ogni anno gli aborti clandestini costano la vita a migliaia di donne ed è noto che la decriminalizzazione dell'aborto e il conseguente accesso ai servizi relativi alla salute riproduttiva e alla pianificazione familiare riducano la mortalità materna. Eppure in molte nazioni, dove le donne sono ridotte al silenzio ed escluse dai processi decisionali, l'accesso a tali servizi è negato.

In Nicaragua, nel 2008, è stata promulgata una legge che criminalizza tutte le forme di aborto in ogni circostanza, mettendo in pericolo la vita di ragazze e donne e impedendo agli operatori sanitari di fornire cure immediate ed efficaci per salvare vite umane. La legge impone la prigione per gli operatori sanitari che causano qualsiasi danno al feto, a prescindere dal loro intento. Poiché alcuni interventi medici durante la gravidanza o il parto possono portare a un danno non intenzionale o alla morte del feto, lo staff medico si può sentire legittimato a ritardare o negare cure per malattie come il cancro, per facilitare il parto. La legge può portare anche alla punizione di ragazze e donne che hanno subito un aborto spontaneo, in quanto spesso è impossibile distinguere se sia stato veramente spontaneo o procurato. Il fatto che le donne e le ragazze che restano incinte come conseguenza di uno stupro o di un incesto siano obbligate a portare a termine la loro gravidanza è una violazione dei diritti umani. In Nicaragua, la stragrande maggioranza delle ragazze rimaste incinte in conseguenza di uno stupro o di un incesto hanno tra i 10 e i 14 anni11. Il futuro appare ora ancor più nero, senza altra scelta che continuare la gravidanza oppure rischiare la denuncia e mettere in pericolo la propria salute con un aborto clandestino. Una giovane sopravvissuta a uno stupro ha detto: "Mi sono sentita come se mi stessero uccidendo molte volte; il processo è stato un incubo durato 10 mesi…Quando la causa è andata in pezzi, sono diventata isterica… Come niente fosse, ho avuto da lui un bambino che ho dovuto accettare. Quello che mi è successo ha distrutto i miei sogni, le mie speranze: volevo lavorare fuori casa, invece, passo tutto il giorno qui a prendermi cura del bambino".

Se le donne e le ragazze fanno le loro scelte, a volte pagano con la vita. Du'a Khalil Aswad venne lapidata a morte per strada da un gruppo di uomini davanti a una vasta folla il 7 aprile 2007 a Bashiqa, vicino alla città settentrionale di Mosul, in Iraq. Il suo assassinio venne filmato da uno spettatore e poi fatto circolare ampiamente su Internet. Fra gli uomini che la uccisero si dice ci fossero alcuni suoi parenti maschi. Il suo "crimine", ai loro occhi, era che questa diciassettenne, appartenente alla minoranza yezidi, aveva stretto amicizia con un giovane musulmano sunnita. Altre persone, inclusi alcuni membri delle forze di sicurezza locali, assistettero all'omicidio, ma non intervennero per impedirlo. La ragazza aveva già cercato protezione sia presso la polizia sia presso l'ufficio locale del Partito Democratico del Kurdistan, dove l'avevano semplicemente messa in contatto con un leader della comunità, che aveva accettato le rassicurazioni della famiglia della giovane, che si impegnava a non farle del male.

UNA VITA INSICURA

Più di un miliardo di persone, per la maggior parte donne, vive in uno dei 200.000 insediamenti abitativi precari o informali12. Tutti gli insediamenti presentano le stesse caratteristiche: alloggi inadeguati, mancanza di servizi igienici e fognari, distribuzione scarsa di acqua ed elettricità, sovraffollamento, esposizione a sostanze tossiche presenti nell'ambiente e alti livelli di violenza. Molte donne si trasferiscono in città alla ricerca di una vita migliore o per sfuggire agli abusi nei loro villaggi ma negli insediamenti è probabile che esse debbano confrontarsi con problemi simili a quelli che avevano provato a lasciarsi alle spalle: povertà, violenza e brutalità della polizia. Le difficoltà della vita quotidiana sono aggravate dal fatto che le leggi discriminatorie sulla proprietà negano alle donne il diritto di possedere legalmente ciò che appartiene loro.

La violenza contro le donne è in crescita negli insediamenti abitativi precari

Le donne a cui manca il diritto di possesso sono particolarmente vulnerabili agli sgomberi forzati. Nella gran parte dei casi questi sono compiuti senza alcun giusto processo, consultazione, adeguata notifica o compensazione. Gli effetti degli sgomberi forzati possono rivelarsi catastrofici, in particolare chi già vive in povertà. Non solo causano a molte persone la perdita delle case (che potrebbero aver costruito loro stesse) e dei possedimenti personali, ma anche delle loro reti sociali. Dopo gli sgomberi forzati, potrebbero non avere più accesso all'acqua pulita, al cibo, ai servizi igienici, al lavoro, all'assistenza sanitaria o all'istruzione. A causa del loro ruolo all'interno della famiglia, le donne sostengono il peso maggiore di questa privazione.

Mme Dibie, 75 anni, con i suoi vicini di casa davanti alle rovine della sua abitazione a Farcha, N'Djamena, in Ciad. Aveva vissuto lì per oltre 40 anni e si era mantenuta vendendo bibite locali. La sua casa è stata distrutta durante una campagna di demolizioni e di sgomberi forzati autorizzata dal governo nel 2008, che ha lasciato senzatetto decine di migliaia di persone e privato molte di loro dei mezzi di sostentamento.

I funzionari che eseguono gli sgomberi spesso usano una forza eccessiva contro i residenti ma raramente i responsabili di queste violazioni dei diritti umani rispondono delle loro azioni.

In un sondaggio condotto su sei tra le più grandi città del mondo, il Centro per i diritti abitativi e gli sgomberi ha definito la violenza contro le donne "in crescita" negli insediamenti13. Le bande criminali riempiono il vuoto lasciato da uno stato assente e la violenza diventa parte della vita quotidiana, in particolare per le donne. I crimini vengono raramente denunciati a causa della mancanza di stazioni di polizia e dell'ostilità verso gli abitanti degli insediamenti abitativi precari da parte delle forze di sicurezza. La sedicenne Blanche fu stuprata da diversi uomini armati di pistola mentre stava facendo i compiti in strada, alla luce di uno dei pochi lampioni che ancora funzionavano vicino a casa della nonna, nell'area del Carrefour Feuilles, a Port-au- price, capitale di Haiti. La nonna di Blanche la portò in una clinica ma la scoraggiò dal denunciare la violenza alla polizia, credendo che fosse inutile. Nel gennaio del 2007, una quattordicenne e un adolescente vennero fermati da ufficiali della polizia militare nella favela di

Una donna con un bambino a Vidigal, Rio de Janeiro, 2006. Il veicolo blindato, conosciuto come caveirão ("grande teschio"), è usato per pattugliare queste comunità. Amnesty International è a conoscenza di molti casi di donne e ragazze uccise nel fuoco incrociato tra la polizia e i trafficanti di droga o tra bande rivali, nelle favelas del Brasile.

Jardim Elba a San Paolo, in Brasile. Vennero portati nel
cortile di una scuola lì vicino e picchiati con bastoni.

La ragazza subì abusi sessuali da uno degli ufficiali. Il caso fu sollevato dal Centro per i diritti umani a Sapopemba che denunciò alla polizia i responsabili. Pochi giorni dopo l'ufficiale accusato di aver abusato sessualmente della ragazza la arrestò per traffico di droga e lei venne detenuta per due settimane, fino a quando il giudice istruttore fece cadere le accuse in quanto infondate. Lei continuò a ricevere minacce di morte da parte di ufficiali di polizia. La mancanza di documentazione o del riconoscimento di un indirizzo regolare aumenta l'insicurezza e l'esclusione di coloro che vivono negli insediamenti, limitando il loro accesso al credito, ai servizi pubblici, a un impiego formale e, persino, al diritto di voto. Alle donne che vivono negli insediamenti abitativi precari viene frequentemente proibito di partecipare ai processi e alle decisioni che riguardano la loro vita quotidiana.

CONFLITTI ARMATI

Una donna combatte contro la tempesta nel campo profughi di Kibati a nord di Goma, nella zona orientale della Repubblica Democratica del Congo, novembre 2008.

Entrambe queste strategie sono state utilizzate durante il conflitto nel Darfur, in Sudan. Centinaia di migliaia di abitanti sono scappati per rifugiarsi nel vicino Ciad e ora vivono in tende e lottano per sopravvivere con gli aiuti. Le donne e le ragazze devono lasciare i campi per prendere acqua o legna, esponendosi al rischio di aggressioni da parte di gruppi armati dell'opposizione, banditi o uomini del posto. Esse non sono al sicuro neanche all'interno dei campi, dove i livelli di abusi e violenze sono alti. Mariam, madre di due figli, è stata stuprata nel campo per rifugiati di Gaga, nel Ciad orientale. Lei vive lì da più di sei anni, ovvero dall'inizio del conflitto nel Darfur, e negli ultimi tre anni ha lavorato come operatrice sociale. Uno dei suoi colleghi, un ciadiano, l'ha stuprata. Nonostante quest'uomo abbia perso il lavoro, non è stata condotta alcuna inchiesta formale né sono stati adottati procedimenti a suo carico. L'uomo vive in libertà in una città vicina, mentre Mariam deve sopportare le conseguenze dello stupro: "Non vado neanche più a prendere l'acqua perché mi sembra che tutti mi stiano guardando".

Le voci delle donne non sono ancora state ascoltate né è stato dato loro il giusto posto nella ricerca della pace
Molto spesso alla fine di una guerra non segue automaticamente la pace ma continua la violenza armata che lascia i civili, e in particolare le donne, in situazioni di pericolo. Nella zona orientale della Repubblica Democratica del Congo (Rdc), continuano su vasta scala gli stupri e le violenze sessuali contro le donne e le ragazze, nonostante i diversi accordi di pace. La gran parte di questi crimini è commessa con la quasi totale impunità dei soldati e dei membri dei
vari gruppi armati. I negoziati di pace nella Rdc

L'insicurezza raggiunge i suoi estremi più brutali in tempo di guerra. La povertà crea le condizioni per il conflitto che, a sua volta, impoverisce ulteriormente le popolazioni. In Africa questa è la principale causa di povertà poiché le persone diventano profughe, i mezzi di sostentamento vengono distrutti e le reti sociali sono disintegrate. In molti conflitti gli attacchi contro i civili sono stati usati come strategia deliberata per terrorizzare la popolazione e occupare la terra. Costringere la gente a scappare, privandola dei mezzi di sussistenza è una strategia militare. Le donne e le ragazze diventano il bersaglio di violenze sessuali come ulteriore strategia per fare a pezzi le comunità.

orientale, che sono stati seguiti dalla comunità internazionale, non hanno posto sufficiente attenzione alla situazione delle donne che vivono nell'area del conflitto e non sono riusciti a eliminare la diffusa brutalità, basata sul genere. Questo avviene nonostante le chiare condizioni poste dalle Risoluzioni 1325 (2000), 1820 (2008), 1888 (2009) e 1889 (2009) del
Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite sulla pace e la sicurezza delle donne, che chiedono che le donne possano partecipare alla prevenzione e alla soluzione del conflitto e ai processi di costruzione della pace. Alla conferenza di pace di Goma del gennaio 2008, le donne della Rdc orientale protestarono dicendo: "Le i delle donne non sono state ancora sentite né è stato dato loro il giusto posto nella ricerca della pace. Eppure, insieme ai bambini, le donne sono le vittime principali delle diverse forme di violenza"14. Nella gran parte dei paesi colpiti da un conflitto armato, gli sforzi per la costruzione della pace non sono riusciti ad assicurare la partecipazione delle donne nella

Questa donna è stata stuprata da alcuni soldati quando aveva appena 13 anni, durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina (1992 - 1995). Decine di migliaia di donne e ragazze vennero stuprate durante il conflitto, ma solo pochissimi degli esecutori sono stati assicurati alla giustizia; inoltre, le autorità non sono riuscite a garantire risarcimenti adeguati alle donne sopravvissute.

discussione sull'impatto a lungo termine della violenza essuale sulla loro vita, né a rendere effettivi i loro diritti nei programmi di ricostruzione al termine del conflitto. Durante la guerra in Bosnia ed Erzegovina, dal 1992 al 1995, le donne e le ragazze subirono stupri e violenze sessuali su larga scala. Come conseguenza, molte di esse soffrono di gravi problemi fisici e psicologici, ma pochissime possono permettersi di pagare un medico o una terapia. Lo stigma sociale connesso allo stupro spesso le spinge a una vita ai margini della società, molte di loro divorziano dai mariti quando questi

apprendono della violenza subita, molte vivono in povertà, incapaci di mantenere un lavoro stabile. Alcune sono ritornate alle loro case perché continuano a temere per la loro incolumità. Più di 14 anni dopo la fine della guerra, le autorità non sono ancora riuscite ad assicurare giustizia e risarcimenti adeguati alle donne sopravvissute alla violenza sessuale.

E DONNE DENUNCIANO

Giornalisti protestano per l'omicidio di Uma Singh in Nepal nel gennaio 2009. La giornalista ventiseienne e attivista per i diritti umani è stata uccisa nella sua abitazione da un gruppo di 15 uomini. Uma lavorava per Radio Today FM e per la Rete dei difensori dei diritti umani delle donne. Alcuni dei suoi articoli sono diventati famosi in tutta la regione, in particolare quello in cui difende i diritti delle donne e critica il sistema delle doti in Nepal.

lei da due mesi. Inoltre ha intentato una causa contro suo padre che l'ha obbligata a sposarsi. Sebbene ci siano molte spose bambine in Yemen, questo caso è il primo arrivato in un'aula di tribunale. Nojoud ha avuto la fortuna di trovare un giudice comprensivo, che ha mandato il padre e il marito in prigione, ha annullato il matrimonio e l'ha protetta finché non è stata mandata a vivere con lo zio. Secondo la legge yemenita, né il padre né il marito hanno commesso alcun crimine; il codice civile stabilisce che l'età minima per il matrimonio è 15 anni ma i genitori possono stipulare un contratto matrimoniale anche per figli più giovani. Il caso di Nojoud ha fatto esplodere l'interesse internazionale e ha incoraggiato altre ragazze nella stessa situazione a lottare per i loro diritti. Nel febbraio 2009, sotto la pressione di diverse Ong, il parlamento yemenita ha emanato un decreto legge per alzare l'età minima per sposarsi da 15 a 17 anni, richiedendo che il contratto matrimoniale sia sottoposto alla certificazione del giudice. Il decreto legge deve ancora essere ratificato dal presidente.

Quando le donne denunciano e fanno valere i loro diritti o i diritti di altri gruppi emarginati, corrono dei seri pericoli perché sfidano i pregiudizi culturali e sociali e rappresentano una minaccia per i poteri forti. Le attiviste per i diritti delle donne sono prese di mira dai membri della comunità, dalle organizzazioni politiche o da alcuni gruppi religiosi, perché sostengono posizioni diverse. Alcune volte sono minacciate dalle autorità stesse. In Zimbabwe, per esempio, le attiviste dell'organizzazione Women of Zimbabwe Arise (Woza) sono state ripetutamente arrestate dal febbraio 2003 per aver dimostrato pacificamente contro il peggioramento della situazione sociale, economica e dei diritti umani. Sono state tra gli obiettivi della repressione governativa contro la società civile e contro gli esponenti dell'opposizione, dopo il primo turno delle elezioni presidenziali nel marzo 2008 e più di 30 attiviste di Woza sono state arrestate nel 2009 e hanno dovuto affrontare processi per aver "disturbato la pace", ma continuano a mostrare grande resistenza e coraggio nelle avversità.
Quando le donne e le ragazze comprendono che hanno dei diritti, li rivendicano con forza nonostante tutti gli ostacoli che incontrano. Ci sono degli esempi entusiasmanti in tutto il mondo. Nojoud Ali, otto anni, ha fissato un precedente legale nel 2008 quando è diventata la prima bambina sposa in Yemen a chiedere il divorzio legale. Nojoud è scappata in taxi e si è recata nell'ufficio del giudice da sola per pretendere il divorzio da suo marito trentenne, che abusava sessualmente di

Alcune volte il governo è complice delle violenze subite dalle attiviste per i diritti delle donne non prendendo adeguate misure per proteggerle.

Le attiviste vengono stigmatizzate e accusate di minacciare la cultura e i valori della società e sono soggette ad alcune specifiche forme di violenze e abusi, tra cui gli attacchi con l'acido, gli stupri e altre violenze sessuali. Sahar Hussain al-Haideri, quarantaquattrenne giornalista e attivista per i diritti umani, è stata fucilata il 7 giugno 2007 a Mosul, in Iraq. Aveva spesso documentato la situazione delle donne e criticato i gruppi armati islamici per i loro attacchi ai diritti delle donne. Era sopravvissuta a diversi tentativi di rapimento e aveva ricevuto diverse minacce di morte. Secondo quanto riportato, un gruppo armato islamico, Ansar al-Islam, ha rivendicato l'omicidio. .
"Ho ricevuto minacce di morte e hanno tentato di rapire mio figlio di nove anni… Le persone che mi minacciano mi hanno fatto chiaramente capire che avrei dovuto chiudere il mio rifugio per donne e che se non l'avessi fatto ne avrei pagato le conseguenze." Shahla, titolare di un rifugio per donne che rischiano violenze in Afghanistan

Le sopravvissute al sistema di schiavitù sessuale militare del Giappone e alcune attiviste manifestano davanti all'Ambasciata giapponese in Corea del Sud. Oltre 200 mila donne e ragazze sono state costrette in una condizione di schiavitù sessuale dall'esercito imperiale giapponese prima e durante la Seconda guerra mondiale. Umiliate e piene di vergogna, le sopravvissute sono rimaste in silenzio per decenni. Le donne costrette in condizione di schiavitù sessuale, "donne di conforto", hanno sofferto di malattie fisiche e mentali, isolamento, vergogna e vivono spesso in condizioni di estrema povertà come risultato della schiavitù.

Sia che agiscano come attiviste per i diritti umani o semplicemente come membri delle loro comunità e famiglie, le donne guidano il progresso sociale e l'implementazione dei diritti umani di tutti. In alcuni paesi, partecipano attivamente al processo politico e hanno fatto dei passi avanti significativi per l'uguaglianza economica e politica mentre in altri, le forze politiche cercano di annullare le conquiste che le donne hanno fatto in termini di parità.

I PROGRESSI SULLA CARTA

Donne irachene manifestano di fronte al parlamento curdo contro l'uccisione di Du'a Khalil Aswad, lapidata in strada per la sua amicizia con un ragazzo che la sua famiglia disapprovava, 2007.
Le campagne delle attiviste per i diritti umani in tutti questi anni hanno portato a significativi avanzamenti nell'impegno della comunità per sostenere i diritti delle donne. A livello internazionale e regionale, ci sono degli accordi legalmente vincolanti per proteggerle e promuovere i loro diritti. Uno dei fattori chiave per il rispetto dei diritti umani è l'uguaglianza tra uomini e donne e questo principio si riflette in tutti gli standard dei diritti umani.

Specificatamente incentrate sui diritti delle donne sono la Convenzione per l'eliminazione di qualsiasi forma di discriminazione contro le donne e la Piattaforma d'azione di Pechino. La Convenzione si basa sulla convinzione che le donne sono titolari di diritti umani e prevede, nelle sue premesse fondamentali, che assicurare l'uguaglianza tra gli uomini e le donne sia un obbligo degli stati, i quali devono cambiare le leggi e gli atteggiamenti che la ostacolano. Interpreta la violenza e la discriminazione contro le donne come una forma di disuguaglianza e richiede che gli stati le sradichino nelle legge e nella pratica. Se ufficiali dello stato e privati cittadini violano il diritto all'uguaglianza, devono essere fermati. La Convenzione elenca una serie di diritti specifici dei quali le donne e le ragazze devono godere e identifica alcuni ostacoli specifici all'equo godimento di tali diritti, tutti rilevanti per eliminare la povertà delle donne.

La Piattaforma d'azione di Pechino dell'Onu è stata negoziata e adottata da 180 stati alla Quarta conferenza sulle donne del 1995 nella capitale cinese. La Piattaforma è di grande importanza perché è stata sviluppata con la partecipazione dei movimenti delle donne e perché prende in considerazione le preoccupazioni dei movimenti popolari di donne. Identifica 12 aree critiche di preoccupazione, tra cui la violenza contro le donne e le donne e la povertà.

Attualmente la maggiore risposta globale alla povertà è contenuta negli Obiettivi di sviluppo del millennio dell'Onu. Gli otto obiettivi sono stati ratificati da tutti gli stati nel 2000 e rappresentano ciò che la comunità internazionale spera di ottenere entro il 2015. Come sforzo per affrontare la povertà e punto di riferimento dei progressi per eliminarla, sono un importante successo perché riflettono il consenso globale. Allo stesso tempo, per il modo in cui sono stati concepiti, nascondono una continua discriminazione e falliscono nell'affrontare gli abusi dei diritti umani che costringono le persone in povertà. Benché le questioni di genere siano argomento di alcuni degli obiettivi, i diritti delle donne sono solo parzialmente trattati tra gli Obiettivi di sviluppo del millennio. Sono necessari dei cambiamenti nelle misure che guidano questo percorso, in particolare in relazione alle donne e alle ragazze che vivono in povertà.

Il sistema internazionale deve aiutare a proteggere i diritti delle donne laddove i governi falliscono nell'adempiere ai loro doveri. A livello nazionale, in molti paesi ci sono leggi per difendere i diritti delle donne e promuovere l'uguaglianza di genere, tuttavia, queste non migliorano la vita delle donne se non sono applicate. Non ci sono motivazioni legittime per spiegare perché i governi falliscono nell'applicare pienamente – e rendere effettive – le leggi nazionali e internazionali promulgate negli ultimi decenni per porre fine alla discriminazione e alla violenza contro le donne. Una cosa è certa: uguaglianza e diritti potranno essere raggiunti quando le donne parteciperanno attivamente al processo politico e quando la loro voce sarà ascoltata.

LA VIA D'USCITA
NOTE

La crescita economica non basta per superare la povertà, specialmente per le donne e le ragazze a cui è negato il giusto accesso al reddito, alle risorse e al potere. La crescita in molti paesi non migliora la situazione dei gruppi emarginati e quindi un semplice incremento di reddito non è sufficiente; la discriminazione e la disuguaglianza devono essere affrontate.

Le donne continuano a essere le più colpite da povertà, violenza, degrado ambientale e malattie. Continuano a essere vittime nei conflitti armati e a subire restrizioni alla loro libertà e autonomia.

La voce delle donne deve essere ascoltata. Il loro contributo deve essere riconosciuto e incoraggiato. La loro partecipazione attiva è una parte fondamentale di qualunque strategia per superare la povertà.

Negli ultimi anni sono stati fatti molti passi avanti nel comprendere che i diritti delle donne sono diritti umani ma molti rapporti pubblicati evidenziano come gli stati abbiano fallito nel tutelarli. Nonostante i progressi nella comprensione e gli sviluppi nel diritto internazionale, le vite di molte donne sono migliorate di poco: gli stati e le organizzazioni internazionali devono lavorare più duramente per difendere i loro diritti nella pratica, con una forte volontà politica volta ad assicurare l'uguaglianza.

TU PUOI FARE LA DIFFERENZA

a sinistra: Disegno di un bambino di 11 anni che ha partecipato al concorso "Quando la pace regna nella famiglia" indetto da un'organizzazione di donne in Armenia.

copertina: La maggior parte delle persone povere nel mondo sono donne. In tutti i paesi le donne lottano per i propri bisogni in condizioni spesso pericolose.
La violenza contro le donne è un fenomeno globale, che rafforza la povertà e rende più difficile per le donne e le ragazze costruirsi una vita migliore. Nella foto una donna che scava in una montagna di rifiuti, Madagascar, agosto 2009.

Amnesty International vuole rendere i diritti umani una realtà per tutte le donne, ovunque si trovino. Una vita libera dalla violenza è un diritto umano fondamentale.

La mobilitazione per combattere gli abusi sulle donne può avere successo. Negli ultimi anni, il movimento internazionale delle donne e le organizzazioni che lavorano per i loro diritti hanno ottenuto risultati significativi e solo lavorando insieme a questo obiettivo possiamo aumentare ulteriormente le conquiste fatte e fare in modo che le leggi e le politiche volte a tutelare i diritti delle donne siano pienamente attuate.

Ognuno di noi ha un ruolo nel creare una volontà politica per il cambiamento. Possiamo mettere alla prova i nostri governi per migliorare i diritti delle donne nel nostro paese, e in tutto il mondo, attraverso una solidarietà internazionale.

Lavora con noi per spezzare il circolo vizioso di povertà e violenza!

Partecipa alla campagna di Amnesty International "Io pretendo dignità".

Amnesty International è un'organizzazione non governativa fondata nel 1961, presente in oltre 150 paesi e territori con 2,2 milioni di soci e sostenitori (80.000 in Italia). Attraverso campagne globali e altre attività, Amnesty International si batte per un mondo in cui ogni persona goda di tutti i diritti umani sanciti dalla Dichiarazione universale dei diritti umani e da altri standard internazionali sui diritti umani. Amnesty International è indipendente da governi, ideologie politiche, interessi economici o fedi religiose ed è finanziata essenzialmente dai propri soci e dalle donazioni del pubblico.

DIRITTI UMANI = MENO POVERTÀ

Via Giovanni Battista De Rossi, 10 00161 Roma Tel: (+39) 06 44901 Fax: (+39) 06 4490222
www.amnesty.it info@amnesty.it C.F. 03031110582

Chiedi informazioni Stampa la pagina