• facebook

Home » Attualità » Consigli di lettura » Disobbedienti figlie di Eva. Rivendicazioni femminili nella Chiesa delle origini
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Disobbedienti figlie di Eva. Rivendicazioni femminili nella Chiesa delle origini

di Elisa Estévez López - EDB, collana Sguardi


Nell'ambito del cristianesimo primitivo, segnato dall'autorità indiscutibile di Paolo, la leadership femminile catalizza le tensioni interne alle Chiese e svela i meccanismi adottati per fare tacere le voci femminili che reclamano autonomia e possibilità di svolgere funzioni di autorità e di insegnamento.

Due scritti del II secolo provenienti dall'Asia minore - le Lettere pastorali e gli Atti di Paolo e Tecla- riflettono i limiti sociali ed ecclesiali all'interno dei quali devono muoversi uomini e donne per poter essere "puri", a partire da abiti e ornamenti, e consentono di scoprire una resistenza femminile.

Nel mondo antico, non tutte le donne, né tutte le comunità, si sono infatti arrese di fronte alle pressioni sociali e agli stereotipi culturali.

Chiedi informazioni Stampa la pagina