• facebook

Home » Rubriche » Interviste e Sviste » I tanti volti di una donna: incontro con Alessia Montanaro
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

I tanti volti di una donna: incontro con Alessia Montanaro

Alessia Montanaro è un persona che non si limita: docente di materie letterarie, esperienza nell'ambito della politica, poi modella per passione ed ora organizzatrice di eventi. Ma è anche mamma di due adolescenti che la impegnano, seguirli nella crescita è per lei una priorità. L'ho incontrata per farmi raccontare, attraverso la sua quotidianità, come affronta le sfide al femminile

Chiedo subito ad Alessia come vede le donne e i rapporti tra loro e la avverto che qui si può dire quello che si pensa...

Prima di tutto non vedo alleanza tra donne e mi dispiace tantissimo: non provo alcuna invidia per le altre anche se sono più belle, più ricche e più fortunate di me

Dovrebbe essere così. Si scusa per mettere in risalto i lati negativi e mi rassicura del fatto che poi mi dirà anche ciò che di meglio caratterizza il genere

Poi vedo la donna più cacciatrice rispetto all'uomo, quindi assume un ruolo che non le è proprio: giusta l'emancipazione, ma l'esagerazione dà un'idea sbagliata del femminile. Ci sono fortunatamente donne che credono nei valori e tengono alla famiglia

Emancipazione infatti non significa omologazione al maschio, è ciò che emerge chiacchierando con Alessia. Effettivamente a volte per sentirsi alla pari si manifestano atteggiamenti tipici dei maschi. Mi viene in mente la donna che fuma eccessivamente, che si ubriaca; insomma i lati peggiori che non vorremmo nemmeno vedere nei maschi. Perché l'uomo migliore non è legato a questi stereotipi. E poi mi butto su un tema importante parlando della sua laurea in Politica Giuridica Amministrativa sulla parità del genere e le chiedo se si è occupata di politica.

Sì, qualche anno fa a livello territoriale per una lista civica, ma devo denunciare il fatto che la donna in questo campo è ancora molto discriminata. E poi anche qui ho costatato la mancanza di alleanza ed ho osservato purtroppo tentativi di schiacciare l'altra, la trovo una cosa gravissima

Cosa possiamo fare per promuovere un atteggiamento diverso delle donne tra loro? Domanda che per me è ricorrente...

Io sono per l'essere umano attivo, se devo fare qualcosa devo trarne beneficio per me stessa e per gli altri

Qui la Montanari si riferisce all'evento benefico a favore dei terremotati che ha organizzato recentemente con un buon successo di pubblico e critica, è la messa in pratica di propositi nobili e la dimostrazione che una donna sa mettere insieme tante forze per una buona causa e così ci dà la sua ricetta.

Dobbiamo sensibilizzare, non possiamo imporre, ma sensibilizzare sì. È importante comprendere che la solidarietà tra donne è fondamentale

Creando un evento di solidarietà educhiamo alla solidarietà, una bella testimonianza perché come afferma:

Non possiamo solo parlarne, ma è bene coinvolgere le donne – conclude con grande entusiasmo.

E gli uomini saranno solidali con chi come lei lavora con impegno. Mi dice di aver conosciuto uomini che decantavano i nostri pregi, ma poi si sono fermati alle parole. Forse fanno fatica ad uscire da quel modo di pensare prettamente maschile e aggiunge

In definitiva però sono positiva e ti dico che di uomini che ci appoggiano ce ne sono. Pensiamo alle Forze dell'Ordine che aiutano le donne ad uscire ad esempio dalla prostituzione...

Il problema credo sia che le persone per bene non si notano ma al contrario saltano agli occhi le persone peggiori anche se sono in minoranza. Questa è una delle ragioni per cui dobbiamo parlare senza sosta delle cose positive...per farci ascoltare soprattutto dai giovani.
Alessia ha due figli adolescenti e mi confessa

Osservo il mondo in cui viviamo: dobbiamo per forza sensibilizzare per rendere migliore ciò che ci sta intorno, altrimenti in che società li facciamo vivere? Mi dispiace fare questi discorsi...

Non posiamo chiudere gli occhi e dire che tutto va bene, quindi ben vengano i suoi discorsi! Concludo la nostra chiacchierata con la richiesta di una sua testimonianza del mondo della Moda, di chi la sperimenta al suo interno.

È un mondo in cui mi trovo bene e dove mi diverto, naturalmente organizzare un evento di beneficenza richiede un gran lavoro e sono soddisfatta per il risultato. Il mondo della Moda viene spesso travisato, si pensa che sia corrotto da droga, prostituzione e donne facili. Non è per nulla vero che il mondo della Moda sia un luogo disdicevole, è solo come ogni altro ambiente: c'è il bello e il brutto.

Maria Giovanna Farina©Riproduzione riservata

Chiedi informazioni Stampa la pagina