• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Perché perdonare un marito infedele?
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Perché perdonare un marito infedele?

Una donna può perdonare l'infedeltà del marito? In nome di che cosa lo fa? E se lo fa, quali sono le condizioni? Domande che molte donne mi hanno posto e alle quali cerco di dare risposte. Credo che ogni donna innamorata non possa perdonare perché vedrebbe ferito il proprio amore che è unione, patto eterno a due, rispetto reciproco... Il tradimento irrompe come uno tsunami nella coppia e la distrugge, inutile indorare la pillola. Ci sono però tante possibili variabili nel rapporto a due, ma soprattutto c'è la cultura permissiva che dà all'uomo una maggiore libertà di "sperimentare" per via della sua natura cacciatrice. E allora per salvare la famiglia si perdona, si fa il grande dono del perdono. Non sempre però le donne sono così sottomesse e riprendono il fedifrago per dedizione, ci sono occasioni in cui c'è di mezzo l'interesse. Esistono numerosi casi, credo ognuno di noi ne conosca almeno uno, in cui il fedifrago beccato in flagranza, o addirittura balzato agli onori della cronaca per le sue amanti, venga perdonato. La moglie diventa un'eroina e lui con le orecchie basse ritorna all'ovile. Quali siano i loro patti segreti non lo possiamo sapere, sicuramente lei, dopo il perdono, diventa più forte, acquisisce potere e nella maggior parte dei casi lo domina: per tutti è una grande donna con la magnanimità di averlo "ripreso" in casa in nome della famiglia e di avergli donato la sua comprensione per una debolezza. Ahimè, questo tipo di donna mi fa paura quando diventa un modello, soprattutto se si adopera per rivendicare i diritti del genere femminile. Una donna che accetta il tradimento è debole e deve essere aiutata ad emanciparsi, una donna che usa il tradimento per fini di marketing è un modello da smantellare. Se chi si sottomette al maschilismo per debolezza ci può intenerire, chi lo usa per scopi di potere e diventa un'icona ci fa ritornare al medio evo dell'emancipazione: il problema è rendersene conto prima che sia troppo tardi...

Maria Giovanna Farina©Riproduzione riservata

Chiedi informazioni Stampa la pagina