• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2017 » Può decadere da genitore chi rifiuta la psicoterapia per il bene dei figli anche se la Cassazione dice no
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Può decadere da genitore chi rifiuta la psicoterapia per il bene dei figli anche se la Cassazione dice no

Tribunale di Roma ancora contro il divieto di imporre trattamenti sanitari: unico modo per contenere la conflittualità. Da casa sua il padre deve far parlare i minori via skype con la madre - Sentenza, 26 Gennaio 2017

Dopo il "corto circuito" della coppia psicoterapia obbligatoria per i genitori e contatti via skype con i figli: il tutto solo per il bene dei bambini. E ciò benché la Cassazione con la sentenza 13506/15 abbia stabilito che il giudice chiamato a decidere sull'affido dei minori non possa prescrivere trattamenti sanitari ai genitori inadeguati.

Il percorso di sostegno personale e alla genitorialità in certi casi è l'unico modo per tutelare l'interesse superiore dei bambini e il padre o la madre che non si adegua rischia conseguenze gravi, fino all'estrema misura della decadenza dalla responsabilità genitoriale.
Dunque: minori affidati ai servizi sociali per sottrarre le decisioni più importanti alla guerra fra gli adulti e collocamento prevalente presso il genitore che, almeno astrattamente, appare più adatto a svolgere il ruolo. È quanto emerge dalla sentenza 9630/16, pubblicata dalla prima sezione civile del tribunale di Roma.

Chiedi informazioni Stampa la pagina