• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2017 » Medico e struttura non risarciscono se nell'ecografia non rilevano che al nascituro manca una mano
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Medico e struttura non risarciscono se nell'ecografia non rilevano che al nascituro manca una mano

Non ammesso l'aborto «eugenetico»: dopo i primi novanta giorni interruzione volontaria possibile solo se la madre rischia un grave danno, anche psicologico, a causa della malformazione del feto - Sentenza, 12 aprile 2017

Niente risarcimento a carico di medico e struttura sanitaria in favore dei genitori anche se in sede di ecografia morfologica il sanitario non si accorge che il nascituro è completamente privo di una mano.
L'ordinamento, infatti, non ammette l'aborto "eugenetico", vale a dire che prescinde da un pericolo per la salute, anche psicologica, della madre: solo questo rischio consente l'interruzione volontaria della gravidanza entro i primi novanta giorni quando il pericolo è "serio" e dopo soltanto laddove risulta "grave", in base agli articoli 4 e 6 della legge 194/78.

Lo stabilisce la Cassazione con la sentenza 9251/17, pubblicata l'11 aprile dalla terza sezione civile.

Chiedi informazioni Stampa la pagina