• facebook

Home » Attualità » Donne dal Mondo » L'esodo delle donne transgender da El Salvador: lo stato più violento del mondo
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

L'esodo delle donne transgender da El Salvador: lo stato più violento del mondo

"Non aspetterò che mi uccidano. Usano la bibbia e dio per distruggerci"


L'omicidio nei confronti delle donne transessuali sono in aumento a El Salvador quest'anno. Tanto che l'ONU ha deciso di aprire un'indagine. Sette donne transessuali sarebbero state uccise solo nel 2017 secondo le nazioni unite. Ma per le associazioni locali lgbt le donne uccise sarebbero 17. Solo nell'ultimo anno sono state 25 le trans massacrate nel paese cattolico conservatore, un'ecatombe.
El Salvador è il Paese più violento del continente americano, un angolo di mondo dove la legalità non esiste. Contadino, conservatore, repressivo. Le gang hanno fatto precipitare il minuscolo Paese centroamericano in un abisso di violenza che non ha precedenti dai tempi della guerra civile degli anni Ottanta Si può comprare cocaina e crack a ogni angolo di strada ma il consumo di droghe leggere è un reato. Gli stupri sono un'emergenza nazionale.
Karla Avelar una delle più importanti attiviste del paese lavora per COMCAVIS, un'organizzazione che sostiene le donne Trans. Negli ultimi due anni ha dovuto abbandonare il paese dopo sei anni di violenza e due tentati omicidio. Avelar racconta di un mondo dove anche rivolgersi alla polizia è inutile: "I criminali operano con le istituzioni governative. Come fai ad affidare la tua vita loro? Come fai affidare la tua sicurezza alle istituzioni" ha dichiarato a Reuters. "Non voglio aspettare che mi uccidano"
L'esodo delle persone trans da El Salvador e altri paesi dell'america centrale è stato definitivo "una crisi umanitari" dall'Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR).
"Molte persone transgender sono state forzate a migrare verso altri paesi per salvarsi la vita." ha dichiarato Avelar a Huffington Post: "Usano la parola di Dio e la Bibbia per giudicarci. Ci stanno distruggendo"
Ogni volta che I cani dei vicini abbaiano, Teresa, una donna transgender di 44 anni si sveglia e inizia ad avere attacchi di panico: "Ho sempre paura che qualcuno posso venire a uccidermi. Le gang non accettano lesbiche, gay e transgender. La diversità non è tollerata" dice Teresa che lavora come negoziante: "Vivo costantemente nella paura"
Tra le ultime vittime c'è Elizabeth Castillo, anche lei una donna transgender, è stata rapita nel mese di Febbraio dopo aver partecipato al funerale di due sue amiche, transgender anche loro. Il suo corpo, pieno di segni di torture, è stato scaricato sul marciapiede. Nessun indagato, nessun colpevole, nessun arresto.
L' Alto commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani ha ha invitato il governo a proteggere le persone LGBTI e a fermare "I crimini di odio"
"Il governo di El Salvador deve prendere misure urgenti per proteggere la signora e gli altri attivisti lgbt e tutti colo ce sono sotto tiro" ha dichiarato la portavoce Ravina Shamdasani.
El Salvador è considerato il paese più violento al mondo con 81.7 omicidi per centomila abitanti

Simone Alliva, per HUFFPOST

Chiedi informazioni Stampa la pagina