• facebook

Home » La memoria » Memoria in versi » La puttana
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

La puttana

di Alessandra Palombo


Non esistevano gli annunci,
non esisteva la parola escort,
c'erano puri impulsi sessuali,
c'erano soldi sudati con il corpo,
indispensabili per sopravvivere
alla puttana del paese.
Aveva un aspetto da matrona,
gli occhi tristi e dolci e
un barlume di sorriso per la bimba
che svelta riparava in casa,
in una strada molto buia in inverno,
ideale per appuntamenti clandestini.

Nell'immagnine:
Una prostituta all'aperto, in Brianza nel 1965. Fotografia del Corriere della Sera

Chiedi informazioni Stampa la pagina