• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2017 » Ecco quando può accedere al fondo di solidarietà il coniuge che non riceve l'assegno di separazione
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Ecco quando può accedere al fondo di solidarietà il coniuge che non riceve l'assegno di separazione

Nuova circolare da Via Arenula su presupposti e condizioni: niente beneficio su poste creditorie ante 2016 e per divorzi, alimenti, unioni civili e provvedimenti presidenziali ex articolo 708 Cpc - Legge di stabilità 2016

È entrata nel vivo con la sperimentazione in 29 tribunali italiani l'attività del fondo di solidarietà a tutela del coniuge separato in stato di bisogno, introdotto dalla legge di stabilità 2016. E il ministero della Giustizia pubblica una nuova circolare ad hoc che integra la vecchia precisando presupposti di accesso al beneficio e condizioni della domanda a disposizione della persona il cui ex partner non paga l'assegno.

Requisiti per la domanda
Può accedere al fondo il coniuge separato che: è convivente con figli minori o figli maggiorenni portatori di handicap grave; non ha ricevuto l'assegno periodico a titolo di mantenimento per inadempienza del coniuge che vi era tenuto; ha un valore dell'indicatore Isee o dell'Isee corrente in corso di validità inferiore o uguale 3 mila euro; ha esperito infruttuosamente le procedure di recupero del credito nei confronti del coniuge inadempiente.

Esclusi dal beneficio
Non possono ottenere il beneficio: l'ex coniuge divorziato titolare di assegno ex articolo 5 della legge 898/70; il convivente di fatto titolare di assegno alimentare ex articolo 1, comma 65, della legge 72/2016; il coniuge titolare di assegno provvisorio di separazione fissato dall'ordinanza presidenziale ex articolo 708 Cpc (perché ottiene lo status di separato solo con la successiva sentenza); l'ex "civilmente unito" titolare di assegno divorzile.

Esame nel merito
Possono accedere al beneficio solo i crediti sorti dopo il primo gennaio 2016 (sono dunque escluse le poste maturate negli anni 2015 e precedenti). L'ammissione al fondo avviene con un provvedimento del presidente del Tribunale: se il dirigente dell'ufficio giudiziario utilizza una delega, deve richiamarla nel suo atto. È il presidente o il delegato a dover esaminare nel merito le istanze.

Chiedi informazioni Stampa la pagina