• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Quando lei vive all'ombra di lui
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Quando lei vive all'ombra di lui

Le parole hanno un senso, quando si dice che quella donna è un oggetto si commette una violenza. Ma cosa significa oggetto? In psicoanalisi l'oggetto è ciò che si differenzia dal soggetto e non è un termine dispregiativo, bensì è tutto ciò che entra in relazione con il soggetto: colui o colei che compie l'azione. Vorrei sottolineare un tipo di relazione oggettuale molto allarmante: quello della donna che vive all'ombra dell'uomo. Nel 2017 qui in Italia ci sono ancora donne colte, carine, potenzialmente indipendenti che trovano, o inconsciamente scelgono, un manipolatore. Conosco il caso di Marika, una professionista che per vivere accanto all'uomo di cui si è innamorata ha smesso di credere alla sua realizzazione professionale rinunciando alla carriera di dirigente che la portava spesso all'estero. La sua professione è precipitata nell'ordine delle priorità quando sulla sua strada è comparso Andrea, l'attuale marito. Andrea la tiene in pugno, decide lui le cose della vita come un patriarca di antica memoria, non le lascia lo spazio paritario che in una coppia è indispensabile per l'equilibrio di una donna. Lei che era indipendente, ora si trova a non poter nemmeno respirare senza il "consenso di Andrea" che con il solo sguardo riesce a bloccare ogni piccola iniziativa della sua donna. E i qui l'aggettivo possessivo "sua", riferito a donna, assume un'aria sinistra e inquietante: lei è un oggetto di lui che ne fa l'uso che meglio crede.

Le scelte vissute sull'onda dell'emozione, come quella di Marika di abbandonare la professione, conducono a errori di valutazione e, come in questo caso, si finisce in una gabbia senza possibilità di tornare libere. Non dobbiamo mai scordare che il manipolatore sceglie con cura le proprie vittime perché sa di poter entrare nelle loro debolezze per ottenere l'obbedienza e la sottomissione, così facendo esercita una violenza psicologica continua. È subdolo e spregiudicato e mai donerà quella libertà di cui ogni donna ha diritto.

Maria Giovanna Farina ©Riproduzione riservata

Chiedi informazioni Stampa la pagina