• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Sim sala bin, le apparenze? No grazie!
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Sim sala bin, le apparenze? No grazie!

Lo slogan del mago Silvan annuncia la manifestazione di una magia finalmente realizzata e sta a significare: "Ecco fatto, ciò che ho preannunciato si è realizzato sotto i vostri occhi". Per realizzare un gioco di prestigio, che è illusione, c'è bisogno di grande preparazione e studio e, anche se è una pura apparenza, per crearla è necessario esserne capaci. Ma nella vita quotidiana cosa ci aspettiamo dalla magia? Che cosa ci attira così tanto? L'illusione dell'impossibile, l'onnipotenza delle soluzioni, la possibilità di andare oltre noi stessi.

Tutti vorremmo essere dei maghi per affrontare le sfide con il paracadute sempre pronto, con la certezza che anche in caso di caduta nessuna ferita scalfirebbe la nostra pelle: soprattutto saremmo sempre vincenti. Avete presente gatto Silvestro quando cade e pur lasciando la sagoma del suo corpo sul cemento non si fa mai nulla? Non si sfracella al suolo come un comune mortale, ma si rialza e seppur intontito riprende la sua eterna lotta contro il furbissimo uccellino Titti. Samsalabin, e voilà, prosegue il suo cammino senza problemi.

L'illusione ci può condurre giù da un dirupo, ma se siamo coscienti che è solo una pura illusione e la nostra testa non è indistruttibile, possiamo avventurarci ovunque con la certezza di poter costruire qualcosa di buono. L'illusione non è di per sé negativa se si trasforma in sogno capace di farci progettare nuove strategie. Il mago Silvan sa incantarci facendo apparire e scomparire una carta e ciò ci comunica infine: "Mai fidarsi delle apparenze!"

Chiedi informazioni Stampa la pagina