• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2017 » Addio assegno all'ex che da separata conduce una vita dignitosa
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Addio assegno all'ex che da separata conduce una vita dignitosa

Bocciato il ricorso di una donna: non ha rilievo il mero divario economico esistente tra le parti - Ordinanaza, 15 dicembre 2017


Non percepisce l'assegno divorzile l'ex che da separata conduce una vita dignitosa.
È quanto sancito dalla Cassazione con l'ordinanza n. 30257/17, depositata il 15 dicembre dalla sesta sezione civile. Nella disputa sull'assegno divorzile ad avere la meglio è l'ex marito che non deve corrispondere il contributo. In primo grado, il tribunale poneva a carico dell'uomo un assegno di 700 euro, decisione ribaltata dalla Corte di appello che escludeva il diritto della donna a ricevere il contributo perché intervenuta la separazione dopo ben venti anni di convivenza coniugale a seguito dell'allontanamento della ricorrente, la stessa aveva condotto una vita libera e dignitosa, acquistando anche un immobile.

Chiedi informazioni Stampa la pagina