• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2017 » Dopo la riforma uno dei genitori può far vaccinare il minore senza il consenso dell'altro
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Dopo la riforma uno dei genitori può far vaccinare il minore senza il consenso dell'altro

Obiezione di coscienza revocabile in quanto diritto soggettivo. Decisiva la Ctu: nessuna controindicazione. Il papà ottiene il via alle somministrazioni: la bimba ha fatto solo l'antitetanica



Duro colpo ai no vax dal decreto legge 73/2017.
Quando i genitori entrano in conflitto sul da farsi, uno di loro può far vaccinare il minore senza il consenso dell'altro: la riforma, infatti, prevede che sono obbligatorie e gratuite le somministrazioni in materia di prevenzione della malattie.
Decisiva la Ctu secondo cui non ci sono controindicazioni. E chi ha firmato a suo tempo la dichiarazione di obiezione di coscienza ben può revocarla. È quanto emerge dal provvedimento depositato ieri (19 dicembre 2017)dalla seconda sezione civile del tribunale di Modena.

Chiedi informazioni Stampa la pagina