• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2018 » Stretta sull'assegno esclusa per donne anziane e senza skill. No ad automatismi sull'autosufficienza
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Stretta sull'assegno esclusa per donne anziane e senza skill. No ad automatismi sull'autosufficienza

Sì al revirement perché più aderente al dato normativo, «pericolosi» i benckmark tipo multipli della pensione sociale. Ma il criterio del tenore di sopravvive per l'ex coniuge malato o avanti con l'età - Sentenza, 26 gennaio 2018

Sì al solo criterio dell'autosufficienza economica per stabilire se il coniuge richiedente ha diritto o meno all'assegno divorzile perché è più aderente al dettato normativo rispetto al canone del tenore di vita goduto in costanza di matrimonio, mandato in soffitta dal revirement della Cassazione contenuto nella sentenza 11504/17.

Ma la "pregressa giurisprudenza" di legittimità "continuerà a operare" nei casi in cui l'ex coniuge non può lavorare perché per motivi di salute o anagrafici e pure se non ha mai avuto un'occupazione fatto o non è abbastanza qualificato per trovarne una. Devono tuttavia essere rifiutati come "pericolosi automatismi" i criteri che ragguagliano l'autosufficienza economica a standard fissi, tipo multipli della pensione sociale, mentre ogni "singola persona" va considerata "nella sua specifica individualità".
È quanto emerge dalla sentenza 2042/18, pubblicata il 26 gennaio dalla prima sezione civile della Cassazione.

Chiedi informazioni Stampa la pagina