• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Trovare le parole giuste per dirsi la verità
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Trovare le parole giuste per dirsi la verità

Quando i rapporti interpersonali si incrinano, fino talvolta ad annullarsi, c'è quasi sempre alla base il non detto, ciò che si poteva dire ma che si è taciuto. Noi esseri umani mettiamo in campo una vasta gamma di segnali e siamo capaci di comunicare con il corpo, purtroppo a volte scordiamo di usare le parole. Non si tratta di una vera dimenticanza, ma di un omettere per il timore di rovinare una relazione sia essa d'amore, d'amicizia o di lavoro. Dire tutto quello che si pensa non è sempre possibile né facile, non possiamo essere troppo sinceri ad esempio con il nostro capo perché c'è di mezzo il posto di lavoro, ma nei rapporti affettivi come nella relazione sentimentale, le cose devono essere differenti. Purtroppo spesso alla base della rottura definitiva di un rapporto c'è un silenzio causato dalla mancanza di una vera confidenza.

Vi propongo un piccolo sondaggio: quante volte avete detto al vostro partner sei uno o una ….? E qui mettiamo quel termine che meglio definisce il nostro disappunto per un suo comportamento inaccettabile; se la risposta è positiva, senza che questa sia un'abitudine altrimenti non sarebbe un rapporto equilibrato ma dominato dall'aggressività, vuol dire che c'è il coraggio del confronto. È importante riuscire a dirsi tutto, deve essere naturale mandarsi a quel paese quando serve come lo è dirsi frasi d'amore nel momento in cui lo si desidera. Per funzionare un rapporto a due deve essere paritario e senza reticenze. Una simile coppia avrà molte più possibilità di durare nel tempo perché sa eliminare il negativo che inquina l'anima per purificarsi ogni qual volta si renda necessario, chiaramente le difficoltà di una vita a due sono numerose ma il non detto incide sensibilmente.

Mandarsi a quel paese non ha nulla a che vedere con la mancanza di rispetto, non vuol dire dirsi parolacce, non vuol dire fare nostro il turpiloquio, bensì rispettare significa anche avere il coraggio di dirsi la verità senza rimuginare alle spalle.

Maria Giovanna Farina - Rirpoduzione riservata

Chiedi informazioni Stampa la pagina