• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2018 » Non è figlio del marito il bimbo nato oltre 300 giorni dopo l'udienza al giudice della separazione
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Non è figlio del marito il bimbo nato oltre 300 giorni dopo l'udienza al giudice della separazione

Sì al ricorso dell'uomo: la sua azione non può essere qualificata come disconoscimento perché nessuna paternità legittima sussiste. Da valutare l'eventuale status di nato fuori dal matrimonio - Ordinanza, 21 febbraio 2018

Non si può registrare all'anagrafe come nato nel matrimonio il figlio venuto alla luce una volta decorsi 300 giorni dalla pronuncia della separazione giudiziale dei genitori o dalla data di comparizione dei coniugi davanti al giudice quando gli stessi sono stati autorizzati a vivere separatamente nelle more del giudizio di separazione.

Lo ha stabilito la Cassazione che, con l'ordinanza 4194/18, depositata il 21 febbraio dalla prima sezione civile, accoglie due motivi di ricorso di un uomo contro la decisione della Corte di appello.

Chiedi informazioni Stampa la pagina