• facebook

Home » Attualità » Appelli - Comunicati - Segnalazioni » IL PATTO PER LE DONNE DELLA VALLE D'AOSTA
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

IL PATTO PER LE DONNE DELLA VALLE D'AOSTA

Gli Stati Generali delle Donne si sono confrontati domenica 13 maggio ad Aosta con le candidate alle elezioni regionali di domenica 20 maggio.

Comunicato stampa

Un incontro molto partecipato dove a partire dal lavoro svolto si è delineato, con il contributo delle firmatarie, un Patto per le Donne della Valle d'Aosta.

Isa Maggi, coordinatrice nazionale degli Stati Generali delle Donne ha incontrato Ornella Badery Chantal Certan Manuela Nasso Annita Prezzavento Giacinta Prisant Stefania Notarpietro Anaïs Réan.

Ben 6 liste hanno sottoscritto il Patto!

Assenti le rappresentanti di Lega, Forza Italia e Pd, che non hanno sottoscritto il Patto. Anche Impegno Civico ha poi deciso di non sottoscrivere il documento unitario.

Il documento, in allegato, costituirà la base per rendere attive e concrete le politiche a favore delle donne della Valle.

Gli Stati Generali delle Donne, presenti nella Valle con Chantal Certan componente del Comitato scientifico degli Stati Generali, Stefania Notarpietro, referente regionale e Miguelina Baldera di Uniendo Raices, costituiscono un permanente confronto democratico, innovativo, inclusivo e in costante crescita.

Avviati a Roma a dicembre 2014 e proseguiti nel 2015 in tutte le Regioni italiane, si sono radicati in Valle dalla primavera del 2015, realizzando le attività di seguito riportate:

all'insegna dello slogan "Il cibo, la terra, l'acqua, le donne" si è data voce alle tante donne della Regione che sono intervenute ad Aosta al primo Evento degli Stati Generali delle Donne della valle d'Aosta, presso la sede della Regione;

il 26, 27 e 28 settembre 2015 un folto gruppo di donne della Valle, è intervenuto alla Conferenza Mondiale delle Donne "Pechino 20 anni dopo" tenutasi all'Expo 2015 a Milano con un impegno fattivo nella costruzione della "Trama delle Donne " e portando i prodotti della Valle , tra cui il pane di montagna, simbolo del lavoro e della identità locale come fondamento di impegni di solidarietà.

nel 2016 gli Stati Generali delle Donne hanno diffuso la "Carta delle Donne del Mondo" chiedendo a tutti i Comuni di diffonderla;

nel 2016/2017 gli Stati Generali delle Donne della Valle d'Aosta hanno diffuso sul Territorio regionale comunicati intorno al tema del lavoro e delle azioni di contrasto verso la violenza maschile di genere;

nel 2016/2018 gli Stati Generali delle Donne hanno collaborato al Premio della Donna dell'anno attraverso il sostegno a Regina Tchelly delle Favelas di Rio, nostra ambassador alla Conferenza Mondiale delle Donne e a Margarita Meira di Buenos Aires;

a maggio 2017 gli Stati Regionali delle donne della Valle d'Aosta hanno partecipato a Roma, nell'ambito delle iniziative dei Trattati di Roma, all'evento nazionale "L'Europa che verrà";

a dicembre 2017 gli Stati Regionali delle donne della Valle d'Aosta hanno partecipato a Pavia, presso l'Università degli studi di Pavia, alla costruzione del Manifesto verso la violenza di genere, presenti le consoli di alcuni Paesi dell'America latina;

a marzo 2018 gli Stati Regionali delle donne della Valle si sono impegnati ad accogliere il nostro progetto #panchine rosse, con la collaborazione dell'associazione Uniendo Raices;

a marzo 2018 gli Stati Regionali delle donne della Valle si sono impegnati a presentare il libro "Matera 2019, Donne in movimento".

Chiedi informazioni Stampa la pagina