• facebook

Home » Attualità » Interviste » Silvana Mazzocchi » Michela, Romania
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Michela, Romania

Collaboratrice domestica.

In italia da quanto tempo?
Quasi un anno

Perché ha lasciato il suo paese?
Non lo so...credo per guadagnare soldi, la motivazione più importante è questa

Ha figli?
Una e sta con mia madre in Romania

Come si trova in Italia?
Molto bene, diciamo benissimo, molto meglio che in Romania

Pensa di ritornare al suo paese?
Per il momento no ma prima o poi, si, sicuramente;il tempo di mettere da parte dei soldi, si


Trova che gli italiani abbiano un atteggiamento chiuso nei suoi confronti?

No

Non si sente discriminata?
No, ci sono persone brave e persone cattive

Cosa pensa di fare nel futuro?
Lavorare, guadagnare un po' di soldi poi vediamo che si può fare, vediamo che opportunità ci saranno in Romania, qui...per il momento non lo so

Questa è la felicità?
No. A volte sono felice, contenta e, a volte, quando sono più stanca, no

Cosa sognava da piccola?
Forse di arrivare a Hollywood o qualcosa del genere

Quando ha smesso di sognare?
Credo quando avevo 20-21 anni, quando ho capito che la realtà non era quella che sognavo... ho smesso di sognare e ho detto va beh...

Non ha più sogni?
Si, certamente ognuno ha i suoi però...sogni veri, no sogni sognabili

Lo sa che in Italia le donne hanno fatto tante battaglie per conquistare la parità?
Si lo so, anche in Romania...speriamo che si arrivi a questo punto perché una donna e un uomo devono avere gli stessi diritti. Comunque un donna può guadagnare, lavorare più di un uomo, può essere più responsabile di un uomo

Nei rapporti con il suo uomo ha la parità?
Diciamo che siamo sulla stessa scala

Per quanto la responsabilità della famiglia e dei figli?
Riguarda tutti e due

Lo sa in Italia vengono tantissimi immigrati, pensa che i problemi siano gli stessi per tutti?
Si...per quelli che vengono per lavorare ma ci sono altre realtà, ci sono paesi più poveri della Romania.

Se avesse la possibilità di fare un corso di formazione professionale lo farebbe volentieri?
Si ma io sono istruita, ho studiato anche in Romania anche se per il momento ho trovato solo questo tipo di lavoro (collaboratrice domestica) e sono anche felice di averlo trovato... perché non è semplice

Che cosa faceva prima?
L'agente di commercio

Spera di rifare quel lavoro?
O agente di commercio o segretaria, sogni reali, si, questi sono sogni reali

Pensa che le italiane siano troppo vanitose?
No, tutti possiamo sbagliare

Che ne pensa del governo italiano?
Non ho tanta fiducia nel governo italiano perché l' Italia negli ultimi anni è andata un po' giù, ci sono i debiti esteri

Non ha fatto una buona politica economica?
Credo di no...non lo so bene...non posso entrare in politica

Legge i giornali italiani?
Certo; e non dico che se si cambia il governo nel 2006 cambieranno tutte le cose però...

Forse qualcosa?
Si, qualcosa si

Cosa porterà secondo lei l'euro in Romania?
Sarà peggio di ora perché i prezzi si alzeranno sicuramente e con il nostro stipendio...150 euro...non è che puoi fare tante cose

Che cosa è che va bene in italia e cosa è che va male: due parole.
Chi lavora ha soldi e può vivere tranquillamente

Ha la libertà?
Si... e poi, male...non lo so; per me tutte le cose vanno bene.

Come stavate con Ceausescu?
Da quanto mi ricordo io...perché avevo 14 anni...

Era un dittatore?
Si, perché non potevamo parlare e dire che quello che sentivamo dentro,non c'era cibo, non c'era niente...c'erano i soldi solo per alcuni. Non potevamo comprare niente; facevamo la fila per più di quattro ore per prendere un litro di latte, una cosa tremenda

In Italia è un'altra cosa?
Eh si...

Marta Ajò, 2005

Chiedi informazioni Stampa la pagina