• facebook

Home » Donne Oggi » Testimonianze e contributi » Crisi economica 2018, perché aumenta la povertà in Italia
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Crisi economica 2018, perché aumenta la povertà in Italia

L'analisi di Linda Laura Sabbadini: «Cassa integrazione e famiglie hanno solo ritardato la caduta nella povertà. Giovani e minori sono le vittime di una emergenza che la politica ha ignorato per troppo tempo»




ISTAT
Disoccupazione 2018, 147 mila occupati in più nel primo trimestre
Il reddito di cittadinanza del M5s coi soldi Ue? Cosa non torna
Tecnicamente l'Italia è uscita dalla recessione economica nel 2014. La crisi sociale, però, non si è ancora conclusa e le analisi condotte finora tendono a sovrastimare gli effetti della crescita occupazionale che, per composizione generazionale e qualità dei posti di lavoro, non è in grado di condurre le famiglie italiane fuori dalla povertà. Povertà che, nel frattempo, è diventata la cifra caratteristica non tanto delle persone anziane, quanto di giovani e bambini, terremotando la mappa del rischio italiano.

CRISI SOTTOVALUTATA NELLE URNE. L'analisi è di Linda Laura Sabbadini, esperta di statistica intervenuta al Jobless Society Forum organizzato dalla Fondazione Feltrinelli e che a Lettera43 spiega: "La sottovalutazione della portata della crisi sociale è uno degli elementi alla base del risultato elettorale non solo delle ultime elezioni, ma anche del referendum costituzionale. Non credo che allora tutti gli italiani si siano messi a studiare la riforma articolo per articolo. Ma d'altronde è la stessa cosa che abbiamo visto in America con Trump, o in Gran Bretagna con la Brexit. Si trattava di una rivolta contro le disuguaglianze crescenti". Sabbadini si basa sull'incrocio delle statistiche ad oggi disponibili e che, prese una ad una, impediscono di cogliere il quadro complessivo. Il primo dato da cui partire è la ripresa, "consolidata ma debole: con un aumento medio del Pil dello 0,3% trimestrale non abbiamo raggiunto ancora il livello del Pil pre-crisi a differenza degli altri Paesi Europei. Il gap con l'Europa è cresciuto e si è ridotto nell'ultimo trimestre solo perchè l'economia del Vecchio continente ha rallentato. Con un incremento del Pil così basso è difficile creare molta occupazione".

OCCUPATI? BENE SOLO GLI OVER 50. Eppure la crescita degli occupati, a partire dal 2014, c'è stata ed è stata tanto rilevante da farci giungere, oggi, quasi ai livelli pre-crisi. Il problema è che, se scorporiamo questi dati per fasce d'età, ci accorgiamo che "quella crescita degli occupati è fondamentalmente concentrata sugli over-50, che oggi hanno un livello di occupazione superiore di 16 punti percentuali rispetto all'inizio della crisi". Questo è dovuto alla riforma delle pensioni e al fatto che una nuova generazione di donne che a suo tempo era entrata nel mondo del lavoro con numeri più grandi di quello delle loro madri adesso ha raggiunto i 50 anni. Allo stesso tempo, l'occupazione nella fascia d'età tra i 25 e i 34 anni, a 10 anni dall'inizio della crisi, è ancora 10 punti percentuali sotto ai livelli pre-crisi.

Questo sfasamento generazionale, insieme alla peculiarità dei sistemi di welfare italiano, ha impedito di vedere per tempo la gravità della crisi sociale che si stava innescando: "Abbiamo avuto due crolli occupazionali nel nostro Paese, nel 2009 e nel 2013. Ma fino al 2012 l'impatto sulla povertà non si è visto, tanto che qualcuno iniziava a dubitare della capacità dell'Istat di misurarla in maniera efficace", ricorda Sabbadini. "In realtà", continua, "la povertà assoluta non cresceva perché due ammortizzatori sociali agivano efficacemente, la cassa integrazione che "copriva" i capifamiglia maschi, impiegati soprattutto nell'industria, e la famiglia che proteggeva i giovani che perdevano il lavoro o non lo trovavano dando fondo ai risparmi o indebitandosi".

L'ESPLOSIONE DELLA POVERTÀ. La diga, però, ha retto solo fino a un certo punto. Dal 2012 la povertà assoluta ha iniziato a crescere,raddoppiando. "Da questo valore non ci siamo ancora discostati e le misure di contrasto, come il Rei, sono arrivate troppo tardi, i fondi nel 2018. Sono stati sopravvalutati i possibili effetti della crescita dell'occupazione sulla riduzione della povertà. Non solo la povertà assoluta è raddoppiata, ma per minori e giovani è addirittura triplicata, gli unici stabili sui livelli precrisi sono gli anziani". La crisi che tendiamo ancora a non inquadrare perfettamente è in questi numeri: 1,2 milioni di minori in povertà assoluta, "e questo vuol dire che avranno molta difficoltà a uscire da questa condizione una volta cresciuti". La crisi ha aumentato anche le diseguaglianze geografiche. Un dato di dettaglio, che però rende l'idea della situazione attuale: il tasso di occupazione femminile a Foggia è 40 punti percentuali inferiore a quella registrata a Bologna. "È il segnale che le differenze di genere diminuiscono ma quelle tra donne del Nord e del Sud aumentano sempre di più".

Lettera43

Chiedi informazioni Stampa la pagina