• facebook

Home » Norme giuridiche » Anno 2018 » Con la riforma la coppia ex affidataria deve frequentare il minore collocato altrove fino all'adozione
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Con la riforma la coppia ex affidataria deve frequentare il minore collocato altrove fino all'adozione

La legge 173/15 garantisce le relazioni coi bimbi alla famiglia che ha instaurato un rapporto, da ritenere parte nel procedimento. E le offre una «corsia preferenziale» ma «senza automatismi» - Decreto, 5 luglio 2018

I minori già affidati a una coppia sono dichiarati adottabili e collocati presso un'altra famiglia che intende farne i propri figli. Ma anche la prima chiede di adottarli. Che succede? La coppia già affidataria non solo è parte del procedimento di adozione ma ha diritto a incontrare e tenere con sé a settimane alterne i bimbi dei quali si è presa cura, anche se ora vivono altrove. Il tutto grazie alla legge 173/15 sulla continuità affettiva: recidere il legame creato con la prima coppia è contrario al best interest dei piccoli oltre che al rispetto della vita familiare previsto dalla Corte europea dei diritti dell'uomo. Sarà poi il tribunale dei minori a decidere con chi devono stare i bambini. È quanto emerge dal decreto pubblicato dalla sezione famiglia della Corte d'appello di Catania, che costituisce a quanto consta uno dei primi provvedimenti che applica la riforma.

Interesse qualificato
Accolta la domanda della coppia difesa dall'avvocato Luigi Bonanno Feldmann: a week end alternati è previsto il pernottamento presso i primi affidatari dei gemelli rimasti con loro per diciotto mesi. I servizi sociali non hanno dubbi: sono i bimbi a chiederlo. E non prevedere gli incontri danneggerebbe anzitutto i piccoli. La legge sulla continuità affettiva offre agli affidatari una "corsia preferenziale" per l'adozione ma senza alcun "automatismo": il tribunale dei minori si pronuncerà liberamente nell'interesse dei bambini. Ma non c'è dubbio che nel procedimento di adozione alla prima famiglia dei bambini debba riconoscersi la qualità di parte processuale: nel momento in cui la coppia già affidataria chiede di adottare i minori fa valere un interesse qualificato ricondotto dalla Corte di Strasburgo nell'alveo dell'articolo 8 della Cedu.

Legame significativo
Sbaglia dunque il tribunale a negare la legittimazione attiva della coppia, che in base alla legge 173/15 va esclusa solo nel procedimento di adottabilità del minore: in tale fase non risulta enucleabile alcuna posizione soggettiva da far valere; senza dimenticare che gli affidatari non vanno avvisati dell'apertura del procedimento, non sono destinatari della notifica della sentenza di adottabilità né legittimati a impugnarla. Nel procedimento di adozione, invece, non si può dimenticare che la coppia ha già creato un significativo legame affettivo con i minori e la sua posizione non può essere "parificata alla moltitudine di soggetti genericamente aspiranti all'adozione". Spese compensate per la novità della questione.

Chiedi informazioni Stampa la pagina