• facebook

Home » Rubriche » Filosofia al femminile » Delitto del potere perduto
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Delitto del potere perduto

di Maria Giovanna Farina

La cronaca ci informa, quando parla del femminicidio, che si tratta di un delitto passionale: una definizione che ci appare poco convincente, soprattutto sembra non rendere giustizia alla vittima. Che cos'è la passione? Cosa significa il termine passione se lo leghiamo all'amore? E in che relazione sta con la gelosia? Il termine passione deriva dal latino passus, participio passato di pati che vuol dire patire, soffrire. Il termine passione contrapponendosi ad azione è un verbo che rimanda a qualcosa che si subisce, quindi il delitto passionale nasce dalla sofferenza e dal desiderio di allontanarla da sé togliendo la vita a chi la provoca.

Il vero amore è però rivelazione, ammirazione e fusione con qualcosa che ci trascende e che ci dona una nuova visione del mondo. Solo l'amore totale, il grande amore erotico, ci sa condurre all'assoluto, consegnandoci il terrore della perdita e allo stesso tempo una felicità totale e unica, direi quasi divina. Il grande amore erotico ci conduce all'abbandono, al candore dei sentimenti, alla sincerità, alla verità, alla libertà, ci invita a chiedere ciò che ci piace senza pudore: lo racconta con chiarezza Alberoni ne L'arte di amare . Un simile amore è passionale perché scatena il sublime e là dove c'è l'assoluto vive anche l'incontro con il dolore, il dolore che è terrore di perdere la felicità, ma nonostante ciò chi ama veramente non può mai giungere ad uccidere

continua su L'amore e gli amori

Chiedi informazioni Stampa la pagina