• facebook

Home » Attualità » Appelli - Comunicati - Segnalazioni » Corso di Perfezionamento Differenza di genere, pari opportunità, sostenibilità e modelli educativi per una nuova cittadinanza
Condividi su  Facebook Condividi su  Twitter Consiglia la pagina

Corso di Perfezionamento Differenza di genere, pari opportunità, sostenibilità e modelli educativi per una nuova cittadinanza

Scadenza iscrizioni: 15 gennaio 2019 si consiglia la pre-iscrizione entro il 10 dicembre 2019


DIPARTIMENTO di Scienze della Formazione
Direttrice: Maria Teresa Russo
Presidente onoraria: Francesca Brezzi
Coordinatrice: Laura Moschini

In collaborazione con il GIO-Osservatorio Interuniversitario studi di Genere, Parità, Pari Opportunità Corso di Perfezionamento
Differenza di genere, pari opportunità, sostenibilità e modelli educativi per una nuova cittadinanza
2018-2019
Piazza della Repubblica, 10
00185 ROMA


Corso valido per il bonus Carta del Docente
possibilità di convenzioni con Enti pubblici e privati
Il Corso di perfezionamento Differenza di genere, pari opportunità, sostenibilità e modelli educativi per una nuova cittadinanza si caratterizza come offerta formativa dell'Università in risposta alle sollecitazioni e agli indirizzi inaugurati in Europa ed anche nel nostro Paese in vista degli obiettivi fissati dall'Agenda per il 2020 e dai 17 obiettivi ONU sulla sostenibilità per il 2030. L'Educazione alla cittadinanza, si rivela strategica per il vivere civile, per la prevenzione di discriminazioni, violenza, bullismo, per un uso consapevole e sostenibile delle risorse e del patrimonio artistico, culturale, ambientale in vista del benessere e del miglioramento della qualità della vita in ogni ambito e senza esclusioni.
I 17 obiettivi ONU, costituiscono un riferimento fondamentale per la rivoluzione culturale necessaria a riportare veramente al centro delle politiche la persona umana e il suo benessere individuale e sociale. In particolare l'obiettivo trasversale dell'Empowerment di donne e bambine, (nonché obiettivo specifico n.5), riconosce finalmente che l'inserimento dell'ottica di genere in ogni politica e azione in tutti gli ambiti e livelli e la partecipazione attiva delle donne alla vita della Polis, costituisce la base per il riconoscimento del valore di ogni differenza al fine di assicurare il progresso sociale ed economico. La diffusione della cultura e dell'educazione di genere nelle scuole (Legge 107/15 e Linee guida MIUR), negli organismi di parità, tra le posizioni apicali e decisionali, tra le persone interessate a risolvere la grave crisi attuale, costituisce una condizione fondamentale per un ripensamento dei rapporti sociali basato sul rispetto, sullo sviluppo delle capacità (Capabilities) di ogni individuo in vista del bene comune attraverso la riconsiderazione dei modelli tradizionali, l'uso dei linguaggi, gli aspetti relazionali.
Metodologia e contenuti:
In considerazione della complessità delle tematiche, gli argomenti del corso saranno affrontati in prospettiva transdisciplinare: politica, filosofica, sociologica, economica, giuridica, istituzionale, pedagogica, in costante riferimento ai 17 Obiettivi di Sostenibilità per il 2030 e della normativa nazionale ed internazionale e in chiave comparativa grazie alle esperienze internazionali e di partecipazione a progetti europei delle/dei docenti.
L'approccio del Corso sarà diversificata con lezioni frontali, laboratori. Attraverso la chiave di lettura del genere si affronteranno argomenti riguardanti:
-la storia della questione femminile inserita nel contesto storico/filosofico generale;
-le correnti sociologiche, giuridiche e le teorie economiche tradizionali e "alternative" (Gender Budgeting, Diversity Management, nuovi indicatori);
- le politiche e gli organismi di Pari Opportunità, Empowerment e Gender Mainstreaming, le politiche del lavoro con particolare riferimento a smart working/lavoro agile, benessere lavorativo
-l'educazione ai media in riferimento alla trasmissione degli stereotipi e dei modelli, al cyber bullismo e le tematiche relative alla digitalizzazione nei diversi ambiti.
-pedagogia e metodologie didattiche, formative e di ricerca in ottica di genere con particolare riferimento alla legge 107/15 e alle recenti linee guida;
- universalità e particolarità dei diritti, con attenzione alla cornice interculturale, del rispetto delle culture non disgiunto dal rispetto delle donne, delle minoranze, delle diversità;
-le domande di riconoscimento di identità collettive (origine etnica, credenze religiose, orientamento sessuale, disabilità) anche in relazione ai fenomeni migratori;
Nei laboratori e nei seminari di approfondimento (quindi facoltativi) da organizzare in orario differente (preferibilmente giovedi p.m. o sabato mattina) al raggiungimento di almeno 20 iscrizioni, saranno trattati argomenti specifici anche su richiesta dei/lle corsiste(ad es. CUG, docenti).
Le attività formative di base potranno essere approfondite attraverso incontri, seminari, conferenze indicate dalla direzione del Corso o proposte dalle/i corsiste/i stesse/i.
Destinatari/e:
• docenti e personale educativo di tutti i cicli della scuola,
• personale formatore, responsabile nell'ambito delle risorse umane e/o direttivo di enti pubblici o privati, istituzioni, associazioni, aziende, ONG, imprese no profit;
• posizioni professionali per le quali si richiedano competenze di tipo multidisciplinare nel campo delle politiche di eguaglianza, di pari opportunità e gestione delle diversità.
• Persone comunque interessate ai temi trattati.
Il Corso si propone:
di offrire una specializzazione qualificata a chi intende approfondire queste tematiche per motivi di studio e ricerca; a chi le affronta nell'ambito professionale educativo e formativo o della gestione delle risorse umane e delle politiche del lavoro.
• di strutturarsi come un intervento di formazione superiore, per dar vita a una nuova figura professionale, o per aggiornare, alla luce della recente normativa nazionale ed internazionale sui temi delle Pari Opportunità, chi già è inserito in un contesto lavorativo.
Docenti: Francesca Brezzi, Maria Teresa Russo, Fiorenza Taricone, Laura Moschini, M.Grazia Rossilli, Irene Giacobbe; Barbara Felcini; Rita Capponi; Linda Laura Sabbadini; Rosa Vinciguerra; Francesca Bagni Cipriani; Lorella Zanardo; Deborah Scolart; Irene Kajon, Valeria Viale, Rosita Zucaro, Maurizio Mosca, Mariella Nocenzi, Marina Praturlon. Incontri con esperti/e di diverse professioni.
Sono previste anche attività facoltative di tirocinio presso enti ed associazioni accreditate.

MODULI Previsti:
Storico –filosofico, Pedagogico-antropologico, Sociologico- Giuridico-Economico, comunicazione e media
Requisiti per l'ammissione : Diploma di laurea di I livello IN TUTTE LE DISCIPLINE

Scadenza iscrizioni: 15 gennaio 2019 si consiglia la pre-iscrizione entro il 10 dicembre 2019

Tassa iscrizione €600 Unica rata €600 Scad Rata 31 gennaio 2019

La durata del Corso è di 6 mesi da metà febbraio a metà luglio, con frequenza settimanale il venerdi dalle 15,30 alle 19 presso il Dipartimento di Scienze della formazione, Piazza della Repubblica 10, Roma. E' consentito il 20% di assenze e sono previste possibilità di recupero. Bonus docenti valido.
Per maggiori informazioni: Università Roma TRE Corsi post lauream
(http://www.uniroma3.it/corsi-post-lauream/2018-2019/differenza-di-genere-pari-opportunita-sostenibilita-e-modelli-educativi-per-una-nuova-cittadinanza-837/)
Contatti: laura.moschini@uniroma3.it

Chiedi informazioni Stampa la pagina